ZACHARIE NOAH, ADDIO AD UN PEZZO DI STORIA DELLO SPORT

Si è spento in Camerun Zacharie Noah, padre di Yannich, attuale capitano francese di Coppa Davis e Fed Cup e nonno del cestista NBA Joakim
domenica, 8 gennaio 2017

TENNIS – Da calciatore aveva già lasciato il segno con la maglia del Sedan, da genitore aveva commosso tutti nel 1983 volando sulle scalinate del Roland Garros per andare ad abbracciare il figlio Yannich. Allo sport ha dato altrettanto, “regalando” un grande uomo di tennis e un giocatore Nba come Joakim. Si è spento all’età di 79 anni Zacharie Noah, capostipite di una famiglia totalmente votata alle discipline agonistiche. Ad annunciare la dipartita è stato il figlio Yannich, attuale capitano della nazionale francese sia di Coppa Davis che di Fed Cup: «Domenica mattina a Yaoundè, Zacharie Noah si è spento serenamente nel sonno. Ci ha lasciato circondato dalla sua famiglia». Il messaggio di Yannich non lascia trasparire emozioni, ma evidenzia oltremodo il legame assolutamente caloroso che Zacharie aveva creato sia con il figlio che con il nipote Joakim, che speso riusciva ad ammirare nelle sue apparizioni NBA.

Più che la Coppa di Francia vinta con il Sedan e delle apparizioni con la maglia dello Stade Saint-Germain – l’attuale Paris Saint-Germain – Zacharie è passato alla storia per uno dei gesti più commoventi della storia dello sport moderna. Trentaquattro anni orsono, per la precisione nel 1983, il capostipite di una delle famiglie più “sportive” di sempre, dopo aver visto il figlio Yannich trionfare al Roland Garros contro Mats Wilander, in quella Francia che l’aveva accolto a braccia aperte e che era diventata la sua seconda casa, corse con gioia ad abbracciare il figlio, non prima di essere franato dalle tribune. Nessun dolore per l’allora 46enne ex difensore, che si consolò con l’abbraccio più emozionante della storia del tennis. Nonostante non abbia mai impugnato una racchetta, il 79enne camerunense ha di fatto scritto una pagina importante della disciplina, sdoganando il mito di una gioia difficilmente esternata in questi termini in pubblico. Zacharie ha trascorso gli ultimi giorni in Camerun, attorniato dal calore dei suoi cari, che difficilmente dimenticheranno le imprese di un grande uomo, che ha regalato tante emozioni allo sport.


Nessun Commento per “ZACHARIE NOAH, ADDIO AD UN PEZZO DI STORIA DELLO SPORT”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora