ZIKA FA PAURA, “NO” DI RAONIC E HALEP AI GIOCHI OLIMPICI

Tre protagonisti del tennis mondiale come Milos Raonic, Thomas Berdych e Simona Halep hanno deciso di rinunciare alle Olimpiadi per timore di un contagio

TENNIS – C’era una volta il sogno olimpico, la voglia innata di partecipare – e magari vincere – alla più grande manifestazione di tutte. I Giochi Olimpici hanno sempre avuto molto appeal, anche nel tennis. In Brasile, però, le cose andranno diversamente. Si sta allungando giorno dopo giorno, infatti, la lista di tennisti che hanno annunciato il proprio forfait in vista delle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016. A far tremare le gambe dei “top player” della racchetta è il virus Zika. Nelle ultime ore hanno rinunciato alla manifestazione a 5 cerchi tre protagonisti assoluti del tennis mondiale: in un sol colpo, infatti, Rio perde Milos Raonic, Simona Halep e Thomas Berdych.

Il canadese, recentemente sconfitto nella finale di Wimbledon da Andy Murray, non ha usato mezzi termini sul proprio profilo Facebook, temendo un contagio del virus che si trasmette principalmente con la puntura di zanzare infetti, e che può causare diversi sintomi. «Con profondo rammarico annuncio il mio ritiro dai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Ho tentennato molto, ma questa decisione è arrivata di comune accordo con il mio coach e con i miei familiari. È stata una scelta difficile e assolutamente personale, ed è legata da una serie di motivi di salute, tra cui anche la possibilità di contagio del virus Zika». Gli elevati rischi e le possibilità di contagio hanno spaventato – e non poco – Milos Raonic, che non rappresenterà il Canada preferendo guardare da casa la manifestazione. A fare compagnia al numero 7 della classifica ATP ci sarà anche il ceco Thomas Berdych, fortemente allarmato dalla fobia del contagio: «Rinuncio a causa del virus Zika. Ho recentemente creato una famiglia. Ora la mia priorità è non mettere a repentaglio la salute dei miei cari».

Ancor più dolorosa la scelta di Simona Halep, che attualmente occupa il quinto gradino del ranking WTA. La 24enne romena teme fortemente per le conseguenze del virus Zika.  Secondo gli esperti, infatti, una mamma infetta potrebbe causare danni permanenti al proprio feto tramite il liquido amniotico. I nascituri rischiano infatti microcefalia o, nei casi più gravi, addirittura la morte. Ed è per questo che la Halep, da donna, non se la sente di correre questi rischi e si sfoga così su Facebook: «Considero le Olimpiadi una competizione molto importante, mi sarebbe davvero piaciuto partecipare. Mi dispiace di essere giunta a questo punto, ma devo annunciare che non parteciperò ai Giochi Olimpici in programma a Rio questa estate a causa del pericolo del virus Zika. Ho parlato con i medici e con la mia famiglia, e ho capito che il rischio è troppo alto per me in quanto donna, per la mia carriera e la mia salute». Si tratta di tre rinunce importanti per il tennis olimpico, ma non è escluso che nelle prossime ore altri protagonisti della racchetta intraprendano la strada già percorsa da Raonic, Halep e Berdych rinunciando in maniera abbastanza clamorosa alle Olimpiadi.


Nessun Commento per “ZIKA FA PAURA, “NO” DI RAONIC E HALEP AI GIOCHI OLIMPICI”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.