10 CURIOSITÀ SUL TENNIS CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE

TENNIS - Qual è il servizio più veloce? Quale l'origine del grunting? Ed il match più lungo della storia? Perchè si dice "love" e "deuce"? Queste ed altre curiosità in un decalogo che risolve molti dei misteri celati all'interno dello sport più affascinante
martedì, 19 Novembre 2013

Tennis. Sport affascinante, appassionante e mai noioso, il tennis è però denso di peculiarità, sfaccettature e riti che affondano le proprie radici nell’alba della sua creazione le cui ragioni risultano sconosciute anche ai più ferrei intenditori. A tal proposito il sito del Wimbledon Debenture Holders, il più importante rivenditore di ticket per il torneo di Wimbledon del prossimo anno, ha raccolto 10 curiosità sul tennis riguardanti i suoi più oscuri caratteri peculiari. In questo decalogo ci sono le risposte alle domande che mai ci saremmo permessi di porre sul nostro sport preferito.

1. Perchè le palline da tennis sono verdi?

In realtà non sono affatto verdi. Sono ricoperte da uno specifico colore chiamato hi-vis yellow (“giallo ad alta visibilità”). Si tratta di un colore usato da tutti i maggiori tornei che si disputano durante l’anno a causa delle eccellenti caratteristiche di visibilità soprattutto per gli spettatori che assistono ai match da casa.

2. Quando è stato inventato il tennis?

A riguarda c’è ancora una disputa in corso sull’anno esatto in cui è stata giocata la prima partita di tennis. In linea generale la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che il gioco prese piede nel XII secolo in Francia (sì, in Francia!)  e che inizialmente al posto della attuali racchette si usavano…i palmi delle mani dei giocatori!

3. Quanto dura una partita di tennis?

Dal momento che i match di tennis si decidono in base al raggiungimento di un certo punteggio (al meglio dei tre o dei cinque set) e non all’esaurimento di un limite temporale, questi durano per tutto il tempo necessario. Al momento il record per il match più lungo è stato segnato non molto tempo fa, quando durante l’edizione di Wimbledon del 2010 Nicolas Mahut e John Isner diedero vita alla partita più lunga della storia durata 11 ore e 5 minuti e che vide trionfare “alla fine” l’americano Isner.

4. Quanto c’è di gioco effettivo in un intero incontro?

Una delle questioni più interessanti. A quanto pare in un match tipo di due ore la palla è in gioco per un arco di tempo che non raggiunge i 30 minuti (!). La maggior parte di un incontro è costituito di preparazione al servizio e pause di gioco, mentre il gioco vero e proprio ricopre meno del 20 % dell’intero incontro.

5. Perchè i tennisti grugniscono?

Di solito lo fanno per due ragioni: primo per far uscire l’aria dai polmoni dopo uno scambio estenuante, secondo per distrarre ed intimorire l’avversario (l’equivalente delle grida di guerra di qualche secolo fa).

6. Perchè la parola “deuce” indica un pareggio?

Altro mito da sfatare: la parola “deuce” tecnicamente non indica la situazione di pareggio, sebbene in molti ne siamo convinti. In realtà significa due, cioè il numero di punti che il tennista ha bisogno di mettere a segno per portare a casa il game.

7. Quanto sono ricchi i tennisti?

Il tennis sembra essere una attività molto profittevole, questo almeno per quanto riguarda i migliori giocatori del mondo. Allo stato attuale i tennisti più ricchi sono Roger Federer e Maria Sharapova, entrambi con un patrimonio netto a nove zeri.

8. Di chi è il servizio più veloce?

La palma va a Samuel Groth, tennista australiano conosciuto soprattutto per la grande potenza dei colpi. Detiene tutt’ora il record per il servizio più veloce della storia conseguito durante il Challenger di Busan nel 2012 quando servì una prima alla incredibile velocità di 163.4 miglia (equivalenti a poco meno di 263 Km/h).

9. Perchè i tennisti controllano le palline prima di servire?

Piccoli segni di logoramento sulla superficie della palline possono influenzare negativamente uno scambio facendola volare in una direzione imprevedibile o facendole perdere la regolarità di rimbalzo sulla superficie del campo. Il tennis è uno sport in cui anche il più piccolo cambiamento può cambiare l’inerzia di un match. Per questo molti tennisti tendono a scartare la pallina appena battuta durante i propri turni di servizio.

10. Perchè viene usata la parola “love” per indicare lo zero nel punteggio?

Ci si potrebbe anche chiedere perchè tale parola viene usata in questo ambito cui non è immediatamente affine. Anche in questo caso non c’è unione di punti di vista. Molti credono che sia a causa del termine francese che sta ad indicare l’uovo (“l’oeuf”) alimento che nella forma ricorda uno zero.


Nessun Commento per “10 CURIOSITÀ SUL TENNIS CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • WTA, ABBASSIAMO IL VOLUME La Wta non vuole costringere le sue atlete a modificare i loro atteggiamenti, ma vuole programmare un’educazione diversa alla base, puntando sulle giovani e sulle accademie
  • RICCI BITTI CHE VOLEVA CAMBIARE IL TENNIS Il Presidente della Federazione Internazionale lancia due proposte di modifiche regolamentari, che rivoluzionerebbero totalmente la concezione del nostro amatissimo sport. Non è la prima […]
  • DIMITROV FIRMA UN ACE, E’ NICOLE SCHERZINGER Il bulgaro, dopo un 2015 molto deludente, prova a consolarsi con Nicole Scherzinger, ex mai dimenticata di Lewis Hamilton.
  • SCOMMETTIAMO CHE? Avete puntato un euro sull'accoppiamento Isner-Mahut nel primo turno di Wimbledon? Allora non leggete l'articolo, già sapete come "arricchirvi" con i Championships. Per tutti gli altri, […]
  • BEST PERFORMANCE PER ISNER Lo statunitense ha ricevuto il premio Espy 2010 per il match record contro il francese Mahut a Wimbledon.
  • LUGLIO 2010 E’ IL MESE DI… ...Wimbledon, anche se la partita più lunga della storia si è disputata in giugno: John Isner contro Nicolas Mahut, sul campo 18. Tutto il resto, per una volta, passa in secondo piano.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.