110 ANNI FA IL MITO LUCIA VALERIO

Il 28 febbraio 1905 nasceva La Signora del tennis italiano. Nel maggio scorso, l'abbiamo ricordata parlando di Sara Errani. Riviviamo quel momento

TENNIS – Il 28 febbraio del 1905 nasceva a Milano Lucia Valerio, tra le più grandi tenniste italiane di tutti i tempi, regina nel decennio compreso tra la seconda metà degli anni ’20 e la prima degli anni ’30. Abbiamo parlato di lei lo scorso 16 maggio, quando Sara Errani ha centrato per il secondo anno di fila la semifinale agli Internazionali Bnl d’Italia. Impresa riuscita soltanto a un’altra italiana prima di lei: per l’appunto Lucia Valerio.
Eccovi l’articolo. Una celebrazione per Sara, nel segno di un mito.

Articolo del 16 maggio 2014:

Appena uscita dal Centrale, il primo ad abbracciarla era Corrado Barazzutti; il secondo il presidente federale Angelo Binaghi. Ma Sara Errani, potete giocarvi ciò che volete, non ricorda un secondo di questi abbracci. Perché Sara Errani, dopo aver sconfitto Na Li, stava letteralmente volando. Poco lontano, all’uscita della tribuna autorità, la signora Errani mamma di Sara si trovava il microfono di Supertennis sotto il naso. “Oggi mi sono emozionata moltissimo – diceva con la voce rotta – E’ stato incredibile… E’ stata brava… Tutto bellissimo, davvero tutto bellissimo”. Poi, recuperate un po’ le forze: “Con una ragazza forte come la Na Li, Sara è stata veramente brava. Anche se avesse perso, oggi mi avrebbe comunque regalato emozioni grandissime”.

STORIA – Sara Errani, 27 anni. Lucia Valerio, 30 anni: tanti ne aveva all’epoca dell’ultima impresa. Colei che è passata alla storia come “La signora del tennis italiano”, colei che ci ha lasciati nel 1996 all’età di 91 anni dopo aver scritto pagine indelebili di questo sport, prima dell’impresa di Sara Errani era l’unica giocatrice azzurra ad aver conquistato le semifinali degli Internazionali in due edizioni consecutive. Accadde nel biennio 1931/1932 e 1934/1935 ed in entrambe le occasioni raggiunse poi la finale, vincendo però il trofeo una volta soltanto, nel 1931 battendo la statunitense Andrus 26 62 62. Sconfitta nel ’32 dalla francese Adamoff (64 75), sconfitta nel ’34 dalla statunitense Jacobs (63 60), sconfitta nel ’35 dalla danese Krahwinkel-Sperling (64 61).

PRIMA – Lucia Valerio, milanese, era la più grande tennista del Paese. Fu la numero 1, esattamente come Sara Errani oggi, dal 1929 al 1936: praticamente un’epopea. Quarti di finale raggiunti tre volte in tornei dello slam (una a Wimbledon, le altre due al Roland Garros), quattro per l’emiliana (un quarto di finale a Melbourne, una finale e una semi a Parigi, una semi a New York).

Dal 1926, la signora del tennis vinse per dieci volte consecutive il titolo nazionale. Tempi difficili quelli in cui crebbe la signora Valerio. Tempi in cui non era certo facile condurre una carriera sportiva, a meno che, come per l’appunto Lucia, non venissi da una famiglia ricca e non fossi figlia di Guido Valerio, prima centrocampista del Milan nella prima stagione assoluta del club (1899), poi dirigente.

FORSE NON TUTTI SANNO CHE… – Di Lucia Valerio siamo tornati a parlare oggi, dopo l’impresa di Sara Errani. Di Lucia Valerio si parla da sempre al Tennis Club Milano, che l’ha vista palleggiare fino all’età di 91 anni, ossia fino a poche settimane prima di morire.

E ora, tanto per giocare un po’, tiriamo fuori qualche altro paragone con la Errani. Lucia Valerio, la signora del tennis (anzi, signorina…) fu una delle prime a servire lanciando la palla in alto, Sara Errani lavora sodo per migliorare una battuta non certo fruttuosa né temibile. Lucia Valerio arrivò ad occupare il decimo posto mondiale, Sara Errani è arrivata al quinto. E ora tenetevi forte: Lucia Valerio era soprannominata “Chichilla”, che in fin dei conti somiglia un po’ al “Cichi” di Sara Errani…


Nessun Commento per “110 ANNI FA IL MITO LUCIA VALERIO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.