WTA, ANDREA PETKOVIC: “CONTINUERO’ A GIOCARE NEL 2016”

La tedesca Andrea Petkovic ha dichiarato di aver pensato seriamente di abbandonare il tennis professionistico, soprattutto a causa della malattia della madre. In realtà, la ventottenne ha deciso di continuare e non vede l'ora di partecipare a Rio 2016

Tennis – All’inizio di questo mese Andrea Petkovic ha partecipato al “Mini Master” di Zhuhai, un torneo in cui sono state coinvolte le giocatrici che non hanno avuto accesso alle WTA Finals di Singapore. Lì, la tedesca ha giocato la sua prima partita contro Carla Suarez Navarro e il doppio 6-0 subìto, oltre ai vari infortuni, ha portato la Petkovic a rifugiarsi negli spogliatoi per piangere a dirotto, considerando l’idea di abbandonare il tennis.

Andrea ha partecipato ad uno show televisivo in Germania dove ha parlato di tutto quello che le è accaduto in questo 2015, come la sua crisi esistenziale che l’ha portata a chiedersi se valesse ancora la pena giocare. La Petkovic ha spiegato come si è sentita dopo il match contro la Suarez Navarro: “Mi sentivo come se cadessi in un buco. Tutto quello che ho provato è stato un calvario, chiedendomi se avessi ancora voglia di giocare”.

La maggiore delle crisi è però avvenuta pochi mesi fa, ovvero da quando la madre di Andrea si è ammalata. Da allora non è più riuscita ad avere la concentrazione necessaria alla competizione. La Petkovic ha dichiarato di non stare bene lontana da casa e che, in questo momento, sente il bisogno di stare accanto alla sua famiglia: “E ‘stato un anno difficile per la mia famiglia”. Eppure, Andrea non ha perso nessuna delle sue responsabilità “Sono un professionista e sono tedesca quindi ho sempre e comunque fatto allenamento sul campo e in palestra, facendo i miei esercizi e andando dal fisioterapista ogni giorno. Sono rimasta una professionista, nonostante tutto quello che mi porto dentro”.

La Petkovic ha inoltre dichiarato che un giocatore percepisce moltissimo la solitudine che, forse la gente non lo sa, diventa la routine quotidiana “Ogni settimana è uguale all’altra. Ogni settimana viaggi verso una città diversa e vedi tutto sempre uguale, come gli aeroporti, gli hotel e i binari del treno. Vedi sempre le stesse facce nel Players Lounge e al buffet in palestra. Tutto è molto superficiale quando si tratta di una competizione “. Andrea si trova molto d’accordo con le parole di Flavia Pennetta, espresse un paio di giorni fa, riguardo alla solitudine che il professionismo può provocare nei confronti della tua famiglia e della tua vita.

La tedesca ha continuato ad aprirsi e ha spiegato che, in questo 2015, ha sentito di “perdere tempo”.

“E ‘molto strano perché non ho mai provato niente del genere. Ci sono molte cose che mi piace fare e ho sentito che qualcosa non andava.. è per questo che ho iniziato a pensare se lasciare o no”. Ma, per la gioia dei fan, Andrea continuerà a giocare anche nel 2016 con un obiettivo ben preciso: i Giochi Olimpici di Rio.

“Nel 2012 ho perso le Olimpiadi per un problema ai legamenti della caviglia e sono entusiasta di giocare quest’anno a Rio. Mi sento come una bambina”.

Fonte: PuntoDeBreak.com


Nessun Commento per “WTA, ANDREA PETKOVIC: "CONTINUERO' A GIOCARE NEL 2016"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.