RAFAEL NADAL, CAPODANNO AD ABU DHABI…MA IN CAMPO

Il mancino di Manacor ha confermato la sua presenza al Mubadala World Tennis Championship che si giocherà ad Abu Dhabi a partire dall'ultimo giorno del 2015.
mercoledì, 16 Dicembre 2015

Tennis – Ci saranno Stan Wawrinka, David Ferrer, Jo Wilfred Tsonga, Milor Raonic e Kevin Anderson, ma gli organizzatori del Mubadala World Tennis Championship adesso potranno contare anche sulla presenza importante di Rafael Nadal.

L’ex numero uno del mondo ha iniziato la seconda parte della sua preparazione per il nuovo anno dopo aver preso parte alle due tappe del campionato asiatico ospitate a Manila, nelle Filippine, e Nuova Delhi, in India. Aveva garantito la sua presenza al Doha Open del Qatar, torneo Atp 250, ma ora ha deciso di confermare anche l’appuntamento nella capitale degli Emirati Arabi Uniti annunciandolo sui suoi profili Facebook e Twitter.

Il prestigioso torneo di esibizione, che garantisce al vincitore un assegno da 250mila dollari, inizierà il 31 dicembre e si concluderà il 2 gennaio. Dunque Rafa ha deciso di festeggiare l’inizio del 2016 in campo. Lo spagnolo è stato sorteggiato come seconda testa di serie e dunque si troverà di fronte il vincitore della sfida tra David Ferrer e Jo-Wilfried Tsonga. In finale potrebbe trovare Stanislas Wawrinka, testa di serie numero 1 in virtù di una migliore classifica Atp. Lo svizzero se la dovrà vedere con il vincente del match tra Milos Raonic e Kevin Anderson.

Il 14 volte vincitore di Slam ha vinto ad Abu Dhabi nel 2010 e nel 2011 e vi ha preso parte quasi ogni anno sin dalla prima edizione, datata 2009. Non ci saranno invece i due finalisti dello scorso anno, Andy Murray e Novak Djokovic, che hanno deciso di variare la programmazione di inizio stagione.

Nel 2016, Rafael Nadal deve necessariamente riscattare l’opaca annata appena trascorsa. È vero, negli ultimi tornei giocati durante questo 2015 si è dimostrato capace di competere, anche se non con continuità, con i migliori. Ha evidenziato molti miglioramenti dal punto di vista fisico e tecnico, ritrovando il poderoso diritto e giocando bene anche gli altri fondamentali. Ma la cosa che più porta a pensare che il 2016 del maiorchino possa essere l’anno della rivincita sono la determinazione, la convinzione, la voglia di lottare e di non concedere nulla. Caratteristiche su cui Nadal ha costruito i suoi trionfi, ma che nel 2015 sembravano smarrite.

La stagione 2015 – con tre sole vittorie (Amburgo, Stoccarda e Buenos Aires) – è stata per lui la peggiore di sempre e deve presto essere dimenticata. Si è detto più volte che il suo obiettivo primario resta la decima corona al Roland Garros, ma un buon inizio di anno potrebbe spazzar via i dubbi – suoi e dei suoi tifosi – sulle possibilità di tornare grande e vincente. Ecco perché Rafa, probabilmente, ha deciso di iniziare il 2016 giocando e testando le sue possibilità dopo aver recuperato, si spera definitivamente, dai suoi cronici problemi fisici. Non ci vorrà molto a fare meglio dell’anno che sta per concludersi, ma Nadal non è uno abituato ad accontentarsi e quindi non lascerà nulla al caso dopo aver ritrovato – parole ripetute più volte – gli stimoli per continuare a lottare e a fare bene. Iniziando da Abu Dhabi.

Foto: Rafael Nadal (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “RAFAEL NADAL, CAPODANNO AD ABU DHABI…MA IN CAMPO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.