AUSTRALIAN OPEN: DJOKOVIC OLTRE IL CALDO, FEDERER DI CORSA

Buon esordio del campione in carica a Melbourne, che batte Chung e i 34° di temperatura. Federer lascia per strada appena 5 game. Passano il turno anche Berdych e Nishikori. Delusioni da Coric e Paire. Karlovic si ritira

Melborne (Australia). Novak Djokovic bagna con una vittoria in tre set il suo esordio all’Australian Open, lo slam che più di tutti gli ha regalato soddisfazioni in carriera, con le cinque vittorie sui complessivi 10 major della bacheca del serbo. “Non è mai facile affrontare un avversario mai incontrato, soprattutto quando si tratta di un giovane come lui”, ha detto dopo il match il numero uno del mondo, riferendosi al coreano Chung, piegato per 6-3 6-2 6-4 in poco meno di due ore di gioco. Più che il giovane asiatico però, ad impensierire Nole c’erano i 34 gradi di temperatura, che hanno reso le condizioni di gioco molto dure. “Era caldissimo, ma lo era per entrambi. Bisogna essere preparati ed accettare queste condizioni di gioco”. Ad assestare una importante spallata al match, dopo l’inizio equilibrato, con il serbo che prima va avanti di un break, ma poi perde il servizio, è il parziale di sei giochi consecutivi messo a segno da Djokovic a cavallo tra primo e secondo set.  Nel terzo il campione in carica piazza il break all’inizio e lo mantiene fino al termine dell’incontro, strappando il pass per il secondo turno, dove andrà ad affrontare il vincente del match tra Halys e Dodig.

Supera un insidioso primo turno anche Kei Nishikori, settimo favorito del torneo. Il giapponese, sulla Margaret Court Arena, supera senza problemi il tedesco Kohlschreiber con il punteggio di 6-3 6-3 6-4, chiudendo in meno di due ore come Djokovic. Il giapponese concretizza la metà delle otto palle break conquistate e non ne concede nessuna, dominando con autorità un avversario potenzialmente molto ostico. Ora ci sarà l’americano Krajicek, che fa saltare il derby asiatico superando il cinese Wu in tre comodi parziali. Tra le teste di serie, fatica ma rimonta David Goffin (3-6 6-3 6-4 6-4 a Stakhovsky), mentre il primo a salutare il torneo è Ivo Karlovic, che si ritira all’inizio del terzo set, dopo aver ceduto i primi due all’argentino Del Bonis. Per il croato un infortunio al ginocchio sinistro. La giornata storta per la nazione balcanica è confermata dalla pessima prestazione del giovane Coric, che dopo la finale raggiunta a Chennai due settimane fa, delude tantissimo contro Ramos e cede addirittura per 6-2 6-2 6-3.

Tornando ai possibili outsider del torneo, non stecca la prima Tomas Berdych, nonostante l’avvio con break al passivo contro l’indiano Bhambri. Il ceco vince 7-5 6-1 6-2, mettendo a segno 35 colpi vincenti, che gli permettono di partire bene, nella corsa nel torneo dove ha raccolto più vittorie in carriera, 35. Al prossimo turno ci sarà il bosniaco Basic, che supera Haase in tre set. Ancora tra le teste di serie, è una vittoria non troppo scontata quella di Simon, in dubbio fino alle fine, ma vittorioso su Pospisil per 6-7 6-3 6-2 6-4. Non va bene invece ad un altro francese incluso tra i favoriti. Delude moltissimo infatti Benoit Paire, che dopo l’ottima conclusione di 2015, non si conferma in questo avvio di stagione e cade in tre tiebreak contro il giovane americano Rubin, numero 328 della classifica mondiale.

Alexander Dolgopolov prenota il secondo turno con Roger Federer, superando 6-1 3-6 6-4 6-2 il lituano Berankis, giocatore che poteva creargli qualche problema. Lo svizzero invece parte sprintando e impiega appena 75 minuti per brindare al successo nel suo turno d’esordio contro il georgiano Basilashvili. 6-2 6-1 6-2 il punteggio in favore del 17 volte campione slam, che mostra di aver superato la febbre di inizio anno, con una prestazione solida e brillante. “È stato un buon match, sono molto contento di come ho giocato”, ha detto Federer a fine gara. “Non ero in gran condizione all’inizio dell’anno, perciò questa prestazione mi regala fiducia. Ora con Dolgopolov sarà dura. Ci siamo allenati insieme a Dubai e so che sarà una sfida interessante con un giocatore di livello superiore all’avversario odierno”.

Buona la prima anche per Nick Kyrgios, grande speranza aussie in questo torneo, anche per il buon tabellone avuto in sorte. All’esordio, il talento di origine greca spazza via lo spagnolo Carreno Busta per 6-2 7-5 6-2, in un incontro lottato solo nel parziale mezzano. Per lui ora la sfida con l’uruguagliano Cuevas.

In aggiornamento

Foto: australianopen.com

Australian Open – Primo turno, day one

[Q]M.Basic d. R.Haase 7-6(4) 6-4 6-4
[7]K.Nishikori d. P.Kohlschreiber 6-4 6-3 6-3
[15]D.Goffin d. S.Stakhovsky 3-6 6-3 6-4 6-4
D.Dzumhur d. K.Edmund 1-6 7-6(4) 4-6 6-3 6-1
[Q]D.Brands d. V.Estrella 6-4 7-6(1) 4-6 6-1
F.Delbonis d. [22]I.Karlovic 7-6(4) 6-4 2-1(rit.)
A.Krajicek d. [Q]D.Wu 6-4 6-1 6-3
[19]D.Thiem d. L.Mayer 6-2 7-6(6) 4-6 7-6(0)
[12]M.Cilic d. T.De Bakker 6-7(4) 7-5 6-2 6-4
E.Donskoy d. I.Cervantes 6-4 3-6 6-1 6-4
[6]T.Berdych d. Y.Bhambri 7-5 6-1 6-2
[26]G.Garcia-Lopez d. P-H.Mathieu 6-4 6-4 6-4
A.Ramos d. B.Coric 6-2 6-2 6-3
[1]N.Djokovic d. H.Chung 6-3 6-2 6-4
[3] R.Federer d. N.Basilashvili 6-2 6-1 6-2
A.Dolgopolov d. R.Berankis 6-1 3-6 6-4 6-2
N.Rubin d. [17] B.Paire 7-6 7-6 7-6
N.Almagro d. J.Benneteau 6-3 6-7 6-3 7-6
[26] G.Garcia Lopez d. P.H.Mathieu 6-4 6-4 6-4
O.Jasika d. I.Marchenko 6-4 3-6 6-0 6-4
R.Olivo d. 7-6 2-6 1-6 6-4 6-4
[29] N.Kyrgios d. P.Carreno Busta 6-2 7-5 6-2


Nessun Commento per “AUSTRALIAN OPEN: DJOKOVIC OLTRE IL CALDO, FEDERER DI CORSA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.