2013: RISULTATI TOP DALLA A ALLA Z

TENNIS- L'ATP ha stilato l'alfabeto tennistico del 2013, mettendo in luce i risultati più significativi di 26 tennisti.
venerdì, 20 Dicembre 2013

Tennis. Record, best ranking, vecchie conoscenze e nuovi arrivati. Vediamo chi, in questo particolare 2013, ha raggiunto i più importanti e significativi traguardi personali.

ANDERSON, Kevin – E’ il primo sudafricano a finire l’anno nella top 20 dopo Wayne Ferreira (2000)

BRYAN, Bob e Mike – Hanno finito la stagione al numero uno per la nona volta in undici anni, vincendo 11 titoli ATP, inclusi tre Slam e 5 Masters Mille (per un totale di 93 titoli vinti in carriera).

CARRENO BUSTA, Pablo – Lo spagnolo ha migliorato incredibilmente la sua classifica, saltando dalla 715esima posizione del 2012 alla 65esima del 2013. Il tennista è stato votato come vincitore per la categoria degli ATP Awards “Most Improved Player of the Year”.

DIMITROV, Grigor – E’ diventato il primo tennista bulgaro a vincere un titolo ATP, portando a casa il trofeo di Stoccolma con la vittoria su David Ferrer.

EBDEN, Mattew – L’australiano ha chiuso la stagione con il suo best ranking al numero 79, posizione raggiunta grazie alla vittoria in 4 Challengers.

FOGNINI, Fabio – L’azzurro è riuscito quest’anno a conquistare i primi due trofei in assoluto (Stoccarda e Amburgo), ed è il primo italiano a finire l’anno nella top 20 dai tempi di Corrado Barazzutti ( numero 10 nel 1980)

GASQUET, Richard – Il numero 9 del mondo quest’anno ha trionfato in ben 3 ttornei ATP (non accadeva dal 2007), a Mosca, Montpellier e Doha, vincendo inoltre 50 match in un anno.

HAAS, Tommy – Il numero uno tedesco ha chiuso la stagione al numero 12: era dal 2007 che il tennista di Amburgo non raggiungeva un risultato simile. In aggiunta, è diventato il primo tennista 35enne a vincere due titoli ATP (Monaco e Vienna) dai tempi di Jimmy Connors.

ISNER, John – Il gigante americano ha finito l’anno nella top 20 per il quarto anno consecutivo (al numero 14), grazie alla vittoria in due tornei (Huston e Atalanta) su quattro finali giocate (Washington D.C. e Cincinnati). In più, per la terza volta in quattro anni, Isner si aggiudica il titolo di ace-man della stagione.

JANOWICZ, Jerzy – Primo tennista polacco in assoluto ad aver raggiunto una semifinale Slam, nello specifico a Wimbledon. Jerzy ha chiuso la stagione nella top 30 per il secondo anno consecutivo, occupando la posizione numero 21.

KARLOVIC, Ivo – Il secondo tennista più vecchio ad aver vinto un titolo ATP: alla “veneranda” età di 34 anni, Ivo ha portato a casa il trofeo di Bogotà, senza perdere mai il servizio in 60 game.

LOPEZ, Feliciano – Per il settimo anno consecutivo, il tennista di Madrid ha finito la stagione nella top 50. Quest’anno, ad aiutare il suo ranking, ci ha pensato il successo a Eastburne su Giles Simon, che rappresenta il terzo titolo in carriera per lo spagnolo.

MURRAY, Andy – Dopo 77 anni di attesa per gli abitanti della Gran Bretagna, il tennista scozzese ha regalato ai britannici la gioia del trionfo ai Championships di Londra .

NADAL, Rafael – Nonostante i mesi di stop per infortunio al ginocchio, Rafa ha riconquistato la vetta del ranking mondiale portando a casa 10 titoli, tra cui 2 Slam (Roland Garros e US Open) e 5 Masters Mille (Indian Wells, Madrid, Roma, Montreal e Cincinnati).

OLEKSANDR, Nedovyesov- Grazie alla vittorie in 3 Challenger, l’ucraino è riuscito per la prima volta a finire l’anno nella top 100 (al numero 93).

POSPISIL, Vasek – Il canadese numero 2, conquistando tre semifinali nel corso del 2013, è passato dalla 127 posizione alla numero 32.

QUERREY, Sam – Il secondo tennista americano ha chiuso la stagione nella top 50 per la quinta volta in sei anni, stanziandosi alla posizione numero 46.

RAONIC, Milos – E’ diventato il primo tennista canadese e degli anni ’90 a entrare nella top 10, grazie alla vittoria in due tornei ATP e alla finale raggiunta nel Masters Mille di Montreal.

SOUSA, Jao – Con il successo a Kuala Lumpur, Jao si è aggiudicato il titolo di primo tennista portoghese a portare a casa un titolo ATP, oltre ad essere l’unico tra i connazionali ad aver concluso la stagione nella top 50 (al numero 49).

TSONGA, Jo-Wilfried – Finisce l’anno in top 10 per la nona volta nella sua carriera, secondo solo a Yannik Noah.

UNGUR, Adrian- Vincendo in due Challenger, il rumeno ha concluso la stagione al numero 109, conquistando il suo best ranking finale.

VERDASCO, Fernando – In coppia con David Marrero, lo spagnolo ha vinto il titolo di doppio agli ATP World Tour Finals di Londra, diventando il primo ex top ten a vincere il torneo finale di doppio da Jonas Bjorkman nel 1994.

WAWRINKA, Stanislas – Lo svizzero numero 2 ha chiuso la stagione nella top 10 per la prima volta nella sua carriera, dopo aver conquistato la sua prima semifinale Slam agli US Open ed essersi assicurato un posto nel Finals di fine anno.

XAVIER, Malisse – L’ex top ten belga e semifinalista a Wimbledon nel 2002, si è ritirato dal tennis con tre titoli in bacheca (Delray Beach 2005, 2007; Chennai 2007,) in singolo e nove in doppio.

YOUZHNY, Mikhail – Il russo ha chiuso la stagione al numero 15, trionfando nel corso dell’anno in 2 tornei ATP (Gstaad e Valencia).

ZEBALLOS, Horacio – Indimenticabile prima volta a Vina del Mar per l’argentino: Horacio porta a casa il primo torneo in carriera battendo Rafael Nadal in 3 set sulla terra rossa.


Nessun Commento per “2013: RISULTATI TOP DALLA A ALLA Z”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.