ION TIRIAC: ‘DISPIACE PER BECKER, LO AIUTERO’ A PAGARGLI DEBITI’

L'anziano imprenditore, uno dei più ricchi in Romania, parla della difficile situazione che sta vivendo il 49enne tedesco
lunedì, 28 Agosto 2017

Abbiamo imparato a conoscere negli ultimi mesi i corposi debiti di Boris Becker. Il sei volte campione Slam è stato dichiarato in fallimento lo scorso giugno da un tribunale di Londra dopo aver sperperato un patrimonio di 167 milioni di dollari equivalenti a 145 milioni di euro. Becker deve 35 milioni all’anziano imprenditore Hans-Dieter Cleven che la scorsa settimana al giornale tedesco Bild aveva dettagliatamente illustrato la situazione assai complicata in cui si trova Becker.

Ad aiutare a pagare i molteplici debiti dell’ex campione 49enne potrebbe esserci un altro imprenditore ma stavolta un suo amico che nel mondo del tennis è un volto nuovo. Stiamo parlando di Ion Tiriac, patron del Masters 1000 e WTA Premier Mandatory di Madrid che si svolge a maggio. Si sente dispiaciuto Tiriac per ciò che sta attraversando Becker.Lui fa parte della mia vitaha detto Tiriac, considerato uno degli uomini col patrimonio più alto in Romania – Nessuno può portarmelo via. Se ha bisogno di dieci milioni per un qualcosa di serio, glieli darò”.

Parlando della volontà di Becker di investire in maniera costante e poco idonea i soldi guadagnati, Tiriac ha sottolineato come la “tanta voglia” di Becker, “molta di più rispetto a quella degli altri tennisti. E questo lo ha rovinato”.

Tiriac ha lavorato come manager di Becker tra gli anni ’80 e ’90. “In questo periodo era l’atleta più ricco al mondo”, ha concluso Tiriac.

Cleven aveva dichiarato: “Gli ho dato milioni di dollari e questo è stato l’inizio di un nuovo costante debito. La proprietà a Maiorca era una sorta di garanzia, a quel tempo aveva un valore di 15 milioni di euro. Ma i problemi sono continuati, la proprietà non è stata pagata così come le multe che ha ricevuto. Boris Becker ha perso un processo legale e io ho pagato per lui. Se potrà risanare i debiti? Avesse i soldi come dice lui, sì. Dovrebbe trovare i giusti business partner per non commettere errori. Questa è la sua ultima chance”. 

Qualche giorno fa Becker è stato nominato capo del tennis tedesco al maschile. Collaborerà con lo staff del team di Davis Cup e coordinerà tutto il sistema.


Nessun Commento per “ION TIRIAC: 'DISPIACE PER BECKER, LO AIUTERO' A PAGARGLI DEBITI'”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • MADRID, TORNEO MAGICO TENNIS - Dal 2002 il torneo di Madrid regala spettacolo e sogni. Merito della grande qualità dei tennisti che vi prendono parte, ma anche del proprietario Ion Tiriac la cui mente è una […]
  • TUTTE LE INNOVAZIONI DI ION TIRIAC La terra blu, i modelli e le modelle raccattapalle, il trofeo dal valore inestimabile...Il Masters 1000 di Madrid sta per partire, con tutte le novità che lo hanno reso stravagante come il suo patron
  • NOVAK DJOKOVIC HA SCELTO DUSAN VEMIC Novak Djokovic ha sostituito Boris Becker con l'amico e mentore Dusan Vemic...il serbo ha inoltre dichiarato di essere pronto per gli AO e di non voler sottovalutare non solo Andy Murray […]
  • MADRID OPEN: TRA SFORTUNA, SPALTI VUOTI E SPENDING REVIEW Il Madrid Open era un torneo in rampa di lancio, che sembrava potesse ambire a diventare un appuntamento con un prestigio paragonabile a quello di uno Slam. Poi gradualmente c’è stato un […]
  • BORIS BECKER: “IL 2016 DI NOLE SARA’ ANCORA TRIONFALE” Becker non lascia spazio ad immaginazioni e pronostica un 2016 ancor più fenomenale per Nole Djokovic.
  • MADRID SCOPRE LA TERRA BLU A circa 70 giorni dall'inizio del torneo, la città spagnola è già pronta al debutto della nuova e tanto acclamata superficie blu. Gli organizzatori ne hanno spiegato la realizzazione […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.