SHAPOVALOV: ‘RINGRAZIO GLI US OPEN PER AVERMI FATTO GIOCARE SUL CENTRALE’

Il tennista canadese parla in conferenza stampa della sua vittoria su Jo-Wilfried Tsonga
giovedì, 31 Agosto 2017

Denis Shapovalov al settimo cielo dopo la partita vinta per tre set a zero contro Jo-Wilfried Tsonga. “Non penso che si sia trattata di una vittoria di routine – ha detto il canadese in conferenza stampa – Ho giocato in modo incredibile oggi, a un livello molto alto. Non so perché ma mi sentivo sciolto e ho giocato la mia partita per tutto il tempo ad eccezione di quando ero al servizio sul 5-3 o 5-4 nel terzo set. Lì sono diventato un po’ teso, ho sbagliato alcuni dritti anche se lui si è meritato il break stando lì mentalmente. Io sono rimasto calmo e ho aspettato che la successiva chance arrivasse”.

Shapovalov migliora di giorno in giorno: “E’ stato un lungo percorso, in passato non penso di essere stato mentalmente solido sempre come ho fatto oggi. Ho lavorato molto duramente su questo aspetto con tutto il mio team. Poi affrontare queste situazioni e giocare contro i top player costantemente mi ha aiutato. Con DelPo (a Montreal, ndr) servivo per la partita ed è successa la stessa cosa. La seconda e la terza volta che capita è un po’ più facile perché ti abitui a queste situazioni. Sapevo che avrei avuto un’altra possibilità”.

È lo stadio di tennis più grande al mondo con 22.500 posti a sedere. Si è sentito a tratti intimidito? “Ho giocato fin dall’inizio senza paura brekkandolo già nel primo game. Tante persone guardavano e si muovevano, quindi non è stato facile giocare, ma mi sono divertito e un paio di volte durante il match ho pure sorriso. Mi sono goduto l’atmosfera, è un sogno che diventa realtà per me giocare una partita serale sull’Arthur Ashe. Voglio dire, sono cresciuto con questo desiderio. Prima di tutto ringrazio l’USTA per aver fatto questa scelta, è stata una serata divertente“, ha detto Shapovalov, che pur essendo tra i primi 70 e avendo raggiunto le semifinali a Montreal battendo Nadal e del Potro prima di arrendersi soltanto ad Alexander Zverev, non era riuscito a “convincere” gli organizzatori a ricevere una wild card per il tabellone principale, il che lo ha costretto a partite dalle qualificazioni. Ora è arrivato al quinto match vinto di fila, e non vuole di certo fermarsi qui. Il suo sogno a 18 anni continua.


Nessun Commento per “SHAPOVALOV: 'RINGRAZIO GLI US OPEN PER AVERMI FATTO GIOCARE SUL CENTRALE'”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.