JANOWICZ: ‘MI OPERO DI NUOVO AL GINOCCHIO’

Il tennista polacco andrà sotto i ferri per la seconda volta dal 2014
lunedì, 18 Settembre 2017

Il calvario infinito di Jerzy Janowicz continua. Dopo aver perso dal tedesco Florian Mayer con il punteggio di 6-2 7-6(3) ai quarti di finale del Challenger polacco di Szczenin la scorsa settimana, il numero 149 al mondo ha rivelato alla stampa locale che subirà un’operazione chirurgica al ginocchio, la seconda negli ultimi tre anni. “Quest’infortunio non è mi nuovo, a volte compare, a volte andava tutto bene. Sto avendo problemi al ginocchio dagli US Open 2015, dopo la Coppa Davis contro la Slovacchia quando abbiamo giocato i play-off mi sono reso conto che c’era qualcosa che non andasse. C’è stato un ritardo coi risultati perchè il mio fisioterapista mi aveva dato una diagnosi errata. Sembrava che avessi il ginocchio ruotato, invece poi sono andato dal dottore e mi ha diagnosticato una lesione al tendine rotuleo. A volte andava meglio, a volte un po’ peggio, ma ho avuto problemi con questo per tutto il tempo. Ci sarà un’operazione”, ha annunciato Janowicz, che nell’agosto 2013 è stato numero 14 al mondo delle classifiche di singolare. Probabilmente ha già chiuso in anticipo la sua stagione in modo da operarsi quanto prima e prepararsi per la nuova stagione.

Quest’anno Janowicz ha ottenuto i suoi migliori risultati durante la stagione sull’erba: a Wimbledon ha raggiunto il terzo turno superando Lucas Pouille e Denis Shapovalov prima di arrendersi a Benoit Paire. A Stoccarda ha agguantato i quarti dove è stato sconfitto sempre da Paire. A marzo nel Challenger di Guadalajara, in Messico, ha raggiunto le semifinali, perdendo da Shapovalov al tie-break del terzo set dopo aver vinto tre match. Ha inoltre vinto il Challenger di Bergamo superando in finale il francese Quentin Halys.

Sempre a Szczenin è accaduto qualcosa di molto singolare. Nel match di secondo turno contro il giapponese Taro Daniel mercoledì, Renzo Olivo ha messo a segno un ace servendo da sotto, un colpo che ha fatto il giro del mondo e ha generato diverse reazioni. Su Twitter il numero 117 del mondo ha così chiarito: “Ci sono state tante critiche. C’era molto vento ed era molto difficile lanciarsi la palla, quindi ho servito da sotto. Non volevo essere irrispettoso nei confronti di nessuno, è stato un po’ come il dribbling nel calcio che mi piace. Era un momento molto importante della partita e non volevo scherzare perchè la partita poteva andare da una parte o dall’altra. Per me è stato qualcosa di molto positivo, il pubblico ha visto qualcosa di diverso”.


Nessun Commento per “JANOWICZ: 'MI OPERO DI NUOVO AL GINOCCHIO'”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.