LLEYTON HEWITT: ‘KYRGIOS COSI’ BRAVO CHE IN CAMPO PUO’ ANNOIARSI’

Il capitano del team australiano di Davis elogia il potenziale di Nick

Il potenziale di Nick Kyrgios è ormai ben noto a tutti. Il tennista australiano nel 2017 ha battuto due volte Novak Djokovic sia ad Acapulco che a Indian Wells, e a Miami è andato molto vicino a battere Roger Federer, perdendo soltanto al tie-break del terzo set. Quest’anno, nel 2018, Kyrgios ha vinto a Brisbane e fatto ottavi agli Australian Open.

In un’intervista al Telegraph, il capitano del team australiano di Coppa Davis Lleyton Hewitt ha parlato in toni positivi di Kyrgios, che è “probabilmente più talentuoso di me. Le cose che può fare sono incredibili. È così bravo che può annoiarsi in campo. La chiave per lui è concentrarsi e vivere il momento sudandosi ogni singolo punto. È così che potremo vedere quanto sia bravo perché finché non dà il suo meglio ad ogni punto non si sa mai. Forse è anche spaventato di questo. Ora è pronto a farlo, può battere chiunque nella giornata buona. Milos Raonic ha fatto finale a Wimbledon e ciò può essere da sprono per Nick perché secondo me è bravo quanto lui se non di più. Può sicuramente vincere Wimbledon un giorno, e certamente è uno dei top players dietro i primi quattro-cinque.

La Coppa Davis ha aiutato e non poco Kyrgios a risollevarsi, sia a febbraio contro la Repubblica Ceca che ad aprile contro gli Stati Uniti a Brisbane. “Era molto deluso a seguito della sconfitta prematura agli Australian Open. Io e i suoi compagni di squadra ci siamo stati dietro e ciò è stato importante per lui. Ha capito che aveva delle persone pronte a sostenerlo nei momenti difficili. Ha risposto brillantemente, aiutando i giovani e diventando il leader della squadra. Abbiamo creato un gruppo (sul cellulare) e ciò ha davvero aiutato Nick. Tutti gli parlano e gli dicono quanto bene stia facendo”.

Nick è maturato molto dal brutto episodio di Shanghai 2016 quando si arrese volontariamente a Mischa Zverev in appena 53 minuti, venendo multato per circa 25.000 dollari e ricevendo una squalifica pari a tre settimane di tornei. “Ha fatto delle cose di cui non dovrebbe essere orgoglioso – ha riconosciuto Hewitt – e poi si difende quando viene tirato in ballo. Anch’io ho vissuto situazioni stressanti nella mia carriera, bisogna imparare da esse e lui lo sta facendo


Nessun Commento per “LLEYTON HEWITT: 'KYRGIOS COSI' BRAVO CHE IN CAMPO PUO' ANNOIARSI'”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.