JOHN MCENROE: ‘DJOKOVIC, PROBLEMA MENTALE’

John McEnroe crede che Rafael Nadal batterà Roger Federer nella corsa per il numero uno a fine anno. I due giocatori sono separati da 1.960 punti; lo svizzero non ha alcun punto da difendere da qui a fine anno e Nadal appena 100. Nel circuito si sono affrontati tre volte con Federer vincitore in tutte […]
sabato, 10 Marzo 2018

John McEnroe crede che Rafael Nadal batterà Roger Federer nella corsa per il numero uno a fine anno. I due giocatori sono separati da 1.960 punti; lo svizzero non ha alcun punto da difendere da qui a fine anno e Nadal appena 100. Nel circuito si sono affrontati tre volte con Federer vincitore in tutte e tre le partite disputate. “Penso Rafa sia il favorito – ha detto McEnroe a Marca –. Prima per il vantaggio di punti che ha e secondo perché non penso che Roger giocherà molto da ora a novembre. Tutto è possibile, ma Nadal ha più possibilità di finire al vertice dopo il Master“.

12 mesi fa entrambi vivevano situazioni molto diverse rispetto a quelle attuale, con Federer fuori sei mesi per infortunio al ginocchio e Nadal alle prese con problemi al polso. “Ovviamente sono rimasto sorpreso – ha ammesso il sette volte campione Slam – non pensavo che avrebbero vinto tutti e 4 gli Slam. La loro finale agli Australian Open è stata la miglior partita dell’anno. È incredibile ciò che hanno fatto. Se non giochi per sei mesi, è impossibile tornare al meglio. Federer non solo ha giocato bene, ma anche mostrato un grande carattere. Se si mette tutto insieme, è qualcosa di straordinario”.

Infine su Novak Djokovic ed Andy Murray: “Non sono vicino a loro per sapere esattamente cosa succede, ma sembra che il problema di Murray sia fisico e quello di Djokovic mentale. È pure vero che a volte un infortunio ti condiziona a livello mentale e viceversa. La separazione di Novak da Becker? È stata una sorpresa perché di solito non si cambia una formula vincente. Cambiare l’intero team è stato qualcosa di incredibile e non so perché esattamente lo abbia fatto”.

Infine sulle eventuali possibilità di fare da coach a Nick Kyrgios: “Per essere allenatore di qualcuno, quel qualcuno deve avere la necessità di essere allenato da me. Nick è un grande giocatore della squadra e gioca il suo miglior tennis nelle competizioni di questo tipo. Sono stato fortunato ad aver lavorato lì come tecnico, e se uno come lui mi chiedesse di allenarlo, a me piacerebbe farlo. È il giocatore più talentuoso del circuito. Nel tennis ci sono tanti fattori da prendere in considerazione, anticipare la palla e avere amore per questo gioco, oltre che a gestire la pressione. Kyrgios è sulla giusta strada per vincere uno Slam ma ci sono anche altri giocatori come Tiafoe e Shapovalov”.


Nessun Commento per “JOHN MCENROE: 'DJOKOVIC, PROBLEMA MENTALE'”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • LAVER CUP: NEL 2019 TORNA NADAL, FEDERER AL SETTIMO CIELO L’edizione 2019 della Laver Cup vedrà lo spagnolo ai nastri di partenza, dopo l’assenza forzata nel 2018
  • STEFANO PESCOSOLIDO: IL MIO WIMBLEDON TENNIS - Raggiunto in esclusiva da tennis.it, l'ex numero 42 del mondo parla del torneo di Wimbledon appena concluso, ma anche dei suoi ricordi ai Championships. Belle parole anche per […]
  • IL PIU’ FORTE DI SEMPRE Jimmy Connors sarebbe il più forte tennista di tutti i tempi, seguito da Lendl e McEnroe. Questo secondo un calcolo di un ricercatore italiano presso l’Università dell’Illinois. Ma nel […]
  • LA PIÙ GRANDE RIVALITÀ DI SEMPRE? Quella di Parigi è stata la quinta finale di Slam tra Nadal e Djokovic, quarta consecutiva. Meglio di loro soltanto lo stesso 'Rafa' e Federer a quota otto, ma il duo serbo-spagnolo, […]
  • MCENROE: «NADAL E FEDERER I MIGLIORI DI SEMPRE» Il campione statunitense John McEnroe incorona Rafa Nadal e Roger Federer come i tennisti migliori di sempre
  • FEDERER, VIALE DEL TRAMONTO La sconfitta con gli USA allontana lo svizzero dalla Davis. Per Roger è l'inizio della fine? Probabile, anche se Sampras, ad esempio...

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.