CORRETJA: ’10 ROLAND GARROS DI NADAL IRRIPETIBILI’

Impegnato lo scorso week-end nel Champions Tour a Marbella dove a vincere è stato Carlos Moya, l’ex numero due del mondo Alex Corretja ha parlato del ritorno ai vertici del connazionale Rafael Nadal, che Corretja ha avuto modo di seguire molto anche dal vivo negli ultimi mesi. “Amo il tennis. È la mia passione. Lavoro […]
domenica, 27 Maggio 2018

Impegnato lo scorso week-end nel Champions Tour a Marbella dove a vincere è stato Carlos Moya, l’ex numero due del mondo Alex Corretja ha parlato del ritorno ai vertici del connazionale Rafael Nadal, che Corretja ha avuto modo di seguire molto anche dal vivo negli ultimi mesi. “Amo il tennis. È la mia passione. Lavoro per una TV spagnola come commentatore e per Eurosport a livello nazionale e internazionale durante gli Slam e per me è importante sapere cosa accade nei tornei e bene, Rafa è il miglior esempio di professionismo per il suo comportamento fuori e dentro il campo. È un lottatore pazzesco e penso sia il miglior ragazzo che il tennis spagnolo come rappresentante, come numero uno, perché fa cose molto importanti non solo per lui ma per i tifosi, il pubblico, gli sponsor. È molto importante e un grande esempio per noi”, ha detto l’ex tennista spagnolo.

Cosa invece da dire sui 10 Roland Garros? Avresti mai pensato che avrebbe vinto uno Slam per dieci volte? “No no, nemmeno una cifra vicina. Questo è straordinario. Ho sempre pensato quando Sampras ha vinto il suo settimo Wimbledon, che è un risultato incredibile, ma l’erba è una superficie diversa. Per certi versi se hai talento e hai uno gioco adatto all’erba, forse puoi farlo. Ma sulla terra rossa con tutto lo sforzo che ci vuole per vincere il Roland Garros, al meglio dei cinque set, con il caldo, le condizioni di gioco, il vento, il dover spendere 2-3 ore sul campo, vincerlo 10 volte è qualcosa fuori dal mondo. Onestamente non penso che lo rivedremo di nuovo”.

Pensi che posaa prolungare questo record? “Assolutamente. Perché no? Se sarà in salute potrà vincere Slam non solo sulla terra. Agli US Open ha vinto piuttosto agevolmente. Il suo gioco è migliorato molto, è molto più aggressivo rispetto a prima nelle partite, vince in 1-2 ore e non in 3-4. Ha perso pochi game a Parigi e non ha giocato partite lunghe. Rafa è un lavoratore, appartiene a una generazione passata, perché ora non dico tutti, ma sono in pochi ad allenarsi quanto e come fa lui”.

Poi ha parlato di Roger Federer: “La sua variazione con lo slice è molto importante. Colpisce di rovescio sopra la spalla, e quando lo faceva in passato di solito sbagliava. Ma ora riesce ad anticipare la palla e si muove molto bene, ecco perché può tirare anche il rovescio lungolinea. Ma mi piacciono molto i suoi slice, che gli permettono di dare pesantezza alla palla e di far male tanto gli avversari. E poi ovviamente Wawrinka che quando è in buona forma, tira rovesci molto potenti”.


Nessun Commento per “CORRETJA: '10 ROLAND GARROS DI NADAL IRRIPETIBILI'”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.