RUSEDSKI: “FEDERER É STATO MOLTO BRAVO A CAMBIARE RACCHETTA”

L’ex numero 4 del mondo Rusedski è tornato sulla decisione dello svizzero di cambiare racchetta, una scelta rivelatasi geniale considerata la sua rinascita

Tennis. Non è un mistero che la rinascita di Roger Federer nelle ultime tre stagioni sia in parte legata anche alla decisione di cambiare la propria racchetta dopo numerosi anni di utilizzo del medesimo attrezzo, passando così alla Wilson RF 97 caratterizzata dai suoi 97 pollici a dispetto dei 90 adoperati in precedenza.

I primi tentativi di effettuare un mutamento così radicale all’età di oltre trent’anni erano dapprima sembrati fallire miseramente, come testimonia la pessima stagione 2013 che aveva davvero instillato il timore di un ritiro a breve termine da parte del fuoriclasse elvetico.

Abbiamo poi scoperto, tuttavia, che i guai alla schiena avevano propiziato quell’annata davvero negativa, preludio ad una vera e propria rinascita avvenuta sotto il segno prima di Stefan Edberg e successivamente dell’attuale coach Ivan Ljubicic.

Sull’argomento si è espresso recentemente l’ex numero quattro del mondo Greg Rusedski, che ha voluto svelare anche alcuni retroscena dietro alla ponderata decisione del 19 volte trionfatore Slam di cambiare il prototipo di racchetta. “È stato molto bravo a cambiare racchetta. Ne ha parlato con Pete Sampras perché entrambi hanno avuto lo stesso allenatore, Paul Annacone.

Pete ha sempre detto ‘mi piacerebbe passare a una racchetta più grande’, e Roger voleva fare questo. Si è fatto male alla schiena con Paul Annacone quando ha fatto il cambiamento, poi si è un po’ fermato e ci ha riprovato, rivelandosi un genio. Cerca sempre di migliorare. Ama ciò che fa. Ricordo che nelle fasi finali della mia carriera, lui rideva e scherzava negli spogliatoi”.

Rusedski ha infine detto la sua opinione in merito alla battaglia tra Federer e Nadal per il numero uno del ranking, sottolineando come l’infortunio occorso al basilese nei mesi estivi abbia condizionato un esito che altrimenti sarebbe potuto essere ben diverso. Il nativo di Montreal si è inoltre augurato che questi due straordinari campioni siano in grado di deliziare il pubblico di tutto il mondo ancora per molti anni a venire, pur riconoscendo come lo scorrere del tempo sia inesorabile anche con riferimento a leggende del loro calibro.

“Non si fosse infortunato, probabilmente la storia sul numero uno sarebbe stata diversa. Nadal ha un bilancio di scontri diretti positivo con Roger, nonostante abbia perso tutti e quattro match quest’anno. Ma se Roger rimarrà in salute, potrà vincere ancora. Vedo Roger arrivare a 20-21 Slam alla fine del prossimo anno e Rafa vincitore di qualche altro Roland Garros. Ma possono reggere ancora altri 1-2 anni, hanno più di 30 anni e la loro carriera potrebbe presto fermarsi”.

 


Nessun Commento per “RUSEDSKI: "FEDERER É STATO MOLTO BRAVO A CAMBIARE RACCHETTA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • PAUL ANNACONE, UN BOSS TRA I COACH Tennis – Compie oggi 51 anni l’ex numero 12 del mondo allenatore di campioni come Pete Sampras, Tim Henman e Roger Federer.
  • SLOANE STEPHENS: “A VOLTE PENSO CHE LA MIA VITA FA SCHIFO” TENNIS – La bella e giovane Sloane Stephens, n°18 del mondo e n°2 USA, è in difficoltà e la sua giovane età fa da ostacolo alla sua ripresa emotiva.
  • LA DANZA DEL RE Roger Federer e Paul Annacone. L'ex coach di Sampras affiancherà lo svizzero nella preparazione atletica del prossimo periodo, in un lavoro dal sapore vagamente maieutico...
  • FEDERER ELOGIA SAMPRAS: “IMPAREREI ANCORA CON LUI” Il fuoriclasse svizzero Roger Federer incensa l’ex stella americana presente sugli spalti in occasione del Masters 1000 di Indian Wells
  • GREG RUSEDSKI, UN CAMPIONE TRA I CAMPIONI TENNIS - Compie quarant'anni l'ex numero 4 del mondo canadese di passaporto britannico. Quindici affermazioni lo rendono uno dei più forti tennisti degli anni '90 pur senza vittorie […]
  • PUNTO E A CAPO Archiviata a Siviglia la stagione 2011, i big si preparano per il ritorno sui campi australiani. Già Melbourne sarà un banco di prova fondamentale per testare la condizione atletica di […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.