KYRGIOS: “MI SENTO PIÙ PRONTO, I RISULTATI SI NOTANO”

Il bad boy australiano Kyrgios è pronto per la stagione che dovrebbe segnarne la definitiva consacrazione, tanto da aver cambiato anche le modalità di preparazione

Tennis. Nel 2018 capiremo finalmente se Nick Kyrgios sia veramente pronto ad effettuare il definitivo salto di qualità, visto che il talentuoso australiano è riuscito fino a questo momento solo a fasi alterne ad esprimere tutto l’immenso potenziale di cui dispone.

Il portacolori di Canberra non dovrebbe essere seguito da alcun coach anche durante la prossima stagione, come confermato dal diretto interessato nel corso di una recente intervista rilasciata proprio nel periodo di preparazione in vista dell’esordio nel mese di gennaio.

“È difficile affidarsi a qualcuno dal momento che in questi ultimi tre anni ho fatto tutto da solo”.

Nonostante il rendimento sia ancora troppo discontinuo, bisogna comunque sottolineare come Kyrgios abbia raggiunto la posizione numero 13 del ranking mondiale, uno step di assoluto prestigio che costituisce però soltanto un passaggio verso i suoi reali obiettivi.

“Non sai mai se lo facciano solo per guadagnare un po’ di soldi, o perché abbiano realmente preso a cuore il loro compito.

Io non cerco un nome illustre, solo qualcuno che voglia il mio bene e che mi possa guidare; finora non ho incontrato nessuno che risponda a questi requisiti, e non credo di essere pronto per avere un coach a tempo pieno”.

Il progetto di crescita di Nick passa inevitabilmente anche da alcuni cambiamenti in sede di preparazione, non sempre svolta nelle migliori condizioni possibili complici una serie di passioni che hanno contribuito a far smarrire concentrazione all’australiano.

“Mi sento più pronto rispetto all’anno scorso. Mi sono preso più cura del mio corpo: fino a un anno fa giocavo troppo a basket e ho iniziato Melbourne ancora non al 100%.

In questo periodo ho lavorato duro sulla preparazione atletica e ho ritoccato il mio regime dietetico, i risultati si notano quando colpisco la palla”.

Kyrgios, il cui esordio avrà luogo nel torneo di Brisbane, si è poi voluto complimentare con il compagno di doppo Jack Sock, capace il mese scorso di centrare la semifinale alle ATP World Tour Finals in programma nella meravigliosa cornice della O2 Arena di Londra.

 “Non sono una persona invidiosa o gelosa: anzi, sono felicissimo per lui”.

Infine, il bad boy ha lanciato il guanto di sfida a tutti i suoi rivali, consapevole del fatto che quando si trova nella migliore condizione è in grado davvero di sconfiggere chiunque nel panorama internazionale.

La speranza, ovviamente, è che le premesse vengano mantenute fino in fondo, così assisteremo ad un’annata da urlo.

“La consistenza non è un mio punto di forza, ma ho battuto tutti i più forti, perciò so di poter ottenere quello che voglio”.


Nessun Commento per “KYRGIOS: "MI SENTO PIÙ PRONTO, I RISULTATI SI NOTANO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.