MOURATOGLOU: “NON É MAI FACILE SALTARE UNO SLAM, MA É LA DECISIONE GIUSTA”

L’attuale coach dell’ex numero uno del mondo, vale a dire Patrick Mouraglou, ritiene che avere più tempo sia un vantaggio per tornare ad ammirare Serena ai massimi livelli

Tennis. Pochi giorni dopo la triste notizia relativa al forfait di Serena Williams ai prossimi Australian Open, arriva anche il commento del suo coach Patrick Mouratoglou intervista da ESPN proprio in merito alla decisione della sua assistita.

Non è mai facile saltare uno Slam, penso per ogni professionista, e sicuramente per Serena – ha ammesso il coach francese ai microfoni dell’emittente americana. Ma è la decisione giusta, la migliore.

Il fatto è che quando ha partorito, le cose non sono andate bene come sperava. Ha avuto qualche complicazione – sia chiaro, il bebè era perfetto, ma ha avuto dei problemi dopo il parto – e ciò ha rimandato il suo ritorno in allenamento”.

“Nei due mesi dopo il parto non ha potuto allenarsi – ha confessato -. Quindi sapevo fosse in ritardo di condizione, ma con lei non si sa mai, quindi il compito nostro l’abbiamo fatto e poi la sua idea era quella di fare una partita (ad Abu Dhabi, ndr) e vedere esattamente a che punto era. Ma per me non era una sorpresa che non fosse pronta“.

Nonostante la situazione fosse molto chiara, il noto allenatore francese ha voluto aspettare che fosse la stessa Serena ad assumere la consapevolezza di non poter competere ai massimi livelli in occasione del primo Slam stagionale in programma dal 15 gennaio prossimo.

“Lei pensa sempre di poter trovare una soluzione, anche quando non è pronta, quindi è sempre difficile per me convincerla a non giocare. Ma è meglio così, avremo più tempo”.

La nascita di una figlia cambierà anche l’approccio allo sport della Williams? Su tale questione Mouratoglou fornisce un punto di vista interessante, precisando poi che la data del ritorno dovrebbe essere prevista nel mese di marzo per gli appuntamenti di Indian Wells e Miami.

“La tua vita cambia, ma l’atleta è lo stessa. Non ho visto alcuna differenza. Pensa e si comporta nello stesso modo.

Al di là di ciò che accade (nel circuito) durante la sua assenza, se torna è per vincere. Ce la farà o no? Solo il tempo ce lo dirà, ma torna per vincere”.

Ricordiamo il comunicato attraverso il quale l’ex numero uno del mondo aveva annunciato definitivamente il suo forfait a Melbourne, esemplificativo delle parole espresse poi dal suo coach.

Dopo aver giocato ad Abu Dhabi mi sono resa conto che, sebbene sia molto vicina, non sono al punto in cui personalmente vorrei essere.

Il mio coach e il mio team mi hanno sempre consigliato, ‘partecipa solo ai tornei per cui sei preparata per arrivare fino in fondo’.

Potrei competere, ma io non voglio soltanto competere, voglio fare di più e per riuscirci ho bisogno ancora di un po’ di tempo. Nonostante mi dispiaccia prendere questa decisione, ho scelto di non partecipare all’Australian Open quest’anno.

Il ricordo della scorsa edizione è qualcosa che porterò sempre con me, Olympia e io non vediamo l’ora di tornare. Apprezzo il supporto e il sostegno di tutti i miei tifosi australiani“.

 


Nessun Commento per “MOURATOGLOU: "NON É MAI FACILE SALTARE UNO SLAM, MA É LA DECISIONE GIUSTA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.