HALEP ACCUSATA DI SCARSO IMPEGNO CONTRO OSAKA A INDIAN WELLS

Molti addetti ai lavori non hanno digerito la performance davvero sottotono della Halep in occasione della semifinale andata in scena a Indian Wells
martedì, 20 Marzo 2018

Tennis. Qualche accusa di scarso impegno è stata rivolta a Simona Halep al termine del suo match contro Naomi Osaka sul cemento californiano di Indian Wells. La portacolori rumena ha infatti rimediato appena tre game totali, scatenando il disappunto di Chris Evert e Patrick McEnroe.

Le giocatrici che sono in prima posizione mondiale non si comportano così in campo. Spero Simona urli o faccia qualcosa, per vedere che è interessata.

Non vedo lo spirito combattivo di Kasatkina o Venus o di qualunque altra grande giocatrice. Non è stata professionale”.

Dovrebbe guardare Federer e il modo in cui ha rimontato nel secondo senza giocare al meglio e imparare da lui.

È stato un totale imbarazzo ieri, mi ha fatto male vederla“. Osaka ha riconosciuto come non “abbia voluto guardare molto l’altra parte del campo, perchè altrimenti avrei perso la concentrazione.

Ma sono stata sorpresa soprattutto per quanto avvenuto a inizio secondo set, mi ha regalato tre punti”.

Non sentivo la palla. Non ero concentrata. Ero fuori dalla partita oggi. Non sono abituata a giocare così tardi, in questo torneo non mi era mai successo.

È stata una giornata lunga ad aspettare, ma eravamo nella stessa situazione. Non ero pronta e ho sbagliato tanto”.

“Non sento la pressione e non l’ho mai sentita da quando ho toccato questo traguardo. Certo, forse le aspettative sono più alte ora.

Sto solo pensando a migliorare di più il mio gioco e di continuare a lavorare seriamente. Ammetto che non sto più pensando alla classifica. I miei principali obiettivi sono gli Slam e la vittoria del maggior numero di titoli”.

“Mi sono detta che sono in grado di fare grandi cose. Ovviamente è sempre stato uno dei miei sogni arrivare al n. 1, ma non ho ci ho mai creduto al 100%. 

E’ stato come un sollievo e mi ha dato il potere di migliorare e, come ho detto prima, mi ha permesso di concentrarmi soprattutto sugli eventi più importanti. Ora penso che sono in grado di fare qualsiasi cosa”.

“Sono sempre alla ricerca della perfezione, ma allo stesso tempo so che è qualcosa che non esiste. Quindi è un po’ strano vivere in questo modo, perché sai che non esiste un punto dove ti ritieni completamente soddisfatto.

Ora sto lavorando con uno psicologo dello sport, che mi sta aiutando ad essere più comprensiva e meno esigenti verso me stessa. Non si può essere sempre al top della condizione.

Voglio comunque continuare ad essere una combattente, voglio tirare fuori l’aggressività che ho dentro, senza lanciare più la racchetta durante i momenti difficili, questo non lo faccio oramai da un po’ di tempo.

In quei casi ho capito che devo parlare meno con me stessa e lasciare andare il momento negativo, pensando subito al punto successivo”.


Nessun Commento per “HALEP ACCUSATA DI SCARSO IMPEGNO CONTRO OSAKA A INDIAN WELLS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.