KYRGIOS E MCENROE PRESENTANO LA LAVER CUP 2018 A CHICAGO

Quando mancano ancora diversi mesi all'appuntamento con la Laver Cup, Kyrgios si è recato a Chicago insieme al capitano della selezione del Resto del Mondo

Tennis. Il giovane talento australiano Nick Kyrgios dovrebbe fare il suo ritorno sul campo in quel di Miami, ma intanto la speranza di Canberra si è recata a Chicago al fine di presentare l’edizione 2018 della Laver Cup che si terrà proprio nella città del vento.

“Non mi preoccupa affatto. Non è qualcosa a cui penso la mattina appena alzato, tipo, “Bene, oggi proverò a cambiare la percezione che hanno di me”. Ho sempre giocato allo stesso modo.

Non  è cambiato niente. Sono sempre stato emotivo. E questa sera l’ho mostrato in campo. Insomma io mi sono sempre sentito una persona premurosa. Credo sia solo come voi mi percepite”.

“Quanto all’infortunio all’anca, posso dire di essermi rimesso completamente. Mi sento molto bene fisicamente, il periodo di riabilitazione mi ha aiutato affinchè questi dolori non si ripresentino in futuro“.

“C’è tanta pressione quando giochi in casa, è normale. Tutti si aspettano grandi cose da me, credo sia fondamentale tenere un buon livello di regolarità per tutto l’anno.

Serve a poco fare bene in Australia a gennaio, se poi nel resto dei tornei non centri risultati altrettanto soddisfacenti. Mi auguro che il nuovo anno porti innanzitutto tanta salute, poi i risultati arriveranno di conseguenza.

L’anno scorso ho avuto tanti alti e bassi, periodi molto complicati da gestire. Spero che il 2018 sia migliore anche sul profilo della continuità“.

“Sono cosciente che potrei essere il migliore, ma molti mi dicono che ci si sente molto soli una volta arrivati in cima.

Adesso sono solo un ragazzo normale che si gode la vita e l’affetto che i miei mi dimostrano; prima o poi sarò pronto a raggiungere il top”.

“Tutti hanno il diritto di parlare del Kyrgios giocatore, ma non capisco perché così tanti mi attacchino anche a livello personale, dato che non mi conoscono. Ho commesso degli errori in campo ma è una cosa diversa da ciò che sono”.

“Ho dato tutto a questo sport e continuerò a farlo: lavorerò tutto quello che posso per soddisfare i miei sogni.

Sono un vincitore e mi piace competere, vorrei scrivere un pezzo di storia; non ho mai pensato a ritirarmi dal tennis”.

“È una leggenda, un giocatore che ammiro e che non ha limiti. Il suo dritto è micidiale e potrebbe battere chiunque in qualsiasi circostanza; non mi stupirei di vederlo numero 1 al mondo.

Inoltre è molto gentile e simpatico con tutti, purtroppo ha sempre dovuto combattere con gli infortuni.

Onestamente, credo che ognuno sappia che se non fosse stato per questo, avrebbe vinto diversi tornei dello Slam”.

 


Nessun Commento per “KYRGIOS E MCENROE PRESENTANO LA LAVER CUP 2018 A CHICAGO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.