SLOANE STEPHENS ESAUSTA, FORFAIT AL VOLVO CAR OPEN

L’americana Stephens, recente campionessa a Miami, appare intenzionata a ricaricare le pila in vista dei prossimi obiettivi della stagione
giovedì, 5 Aprile 2018

Tennis. Reduce dal trionfo nel WTA Premier Mandatory di Miami, l’americana Sloane Stephens ha deciso di prendersi una sosta dalle competizioni rinunciando al Volvo Car Open, con l’intento di recuperare le energie in vista della stagione sulla terra battuta.

“Sono entusiasta di entrare nella Top 10 a partire da lunedì, ho dovuto aspettare molte tempo prima di raggiungere questo obiettivo”.

“Sono felice di poter essere l’ultima tennista a vincere qui. Mi mancherà. Sono al contempo eccitata per lo spostamento del torneo. Sono sicura che sarà un passo meraviglioso per il torneo, visto che i servizi dovrebbero essere fantastici”.

“Dopo l’infortunio al piede la mia prospettiva è cambiata in modo radicale. Altre cose sono entrate nella mia vita, come Tennis Channel, e ho anche finito la scuola. Lì ho capito che c’erano altre cose nella mia vita oltre al tennis”.

“Non molto, a dire il vero. Sono semplicemente più occupata. Dico occupata perché sono passata dal non giocare a tennis per 11 mesi fino a vincere lo Us Open.

Credo che tutti sappiano quali conseguenze ci sono dopo la vittoria in uno Slam, ma per un americano che vince lo Us Open è ancora di più. Ho cercato di sfruttare tutte le occasioni, e questo ha un po’ riempito la mia vita”.

“Non dico che fosse un problema, però andare in Cina subito dopo non è sempre qualcosa di divertente. Adesso sto ritrovando la voglia di giocare a tennis. 

Non vedo l’ora che arrivi la stagione sulla terra battuta, è da parecchio che non ci gioco e spero di raccogliere qualche buon risultato”.

“Non penso di giocare oltre i 30 anni, ma ammetto che sto tenendo d’occhio il rientro di Serena Williams dopo il parto”.

“Se va tutto bene, nei prossimi 5 anni spero di vincere altri tornei e, spero, fare altre belle cose sia dentro che fuori dal campo. Questo non definisce che la mia carriera stia per finire”.

“Non giocherò assolutamente così a lungo. Sicuramente no. Vedremo. Serena ha avuto un figlio, e anche a me piacerebbe vivere un’esperienza del genere.

Se lei vincerà un altro paio di Slam dopo il rientro ci penserò, ma mi limiterò a valutarlo in base a quello che fa lei, poi vedremo”.

“Quando fui operata non pensai che sarebbe mai potuto capitare. Non pensavo neppure di arrivare vicino alla 100esima posizione. Avevo idee sbagliate. Pensavo alla mia classifica protetta e a come usarla nei tornei dello Slam.

Una volta che mi sono liberata psicologicamente e mi sono lasciata andare senza farmi troppi problemi ho iniziato a giocare libera e a correre e gareggiare per vincere partita dopo partita.

Non ho parole per descrivere come sono giunta fin qui. Se lo raccontassi a qualcuno mi prenderebbe per pazza. Sono così felice”.

“Quando nella tua biografia puoi mettere “campionessa dello US Open” le cose cambiano. Per chiunque.

Perciò non so se sono già arrivata, se sto arrivando, se arriverò. So solo che sono la campionessa. Qualunque cosa significhi per voi”.

“È orgoglioso è felice per me. È stata dura giungere sino a qua. Il mio team ha dovuto attraversare tante traversie prima di arrivare a questo traguardo. Tipo l’operazione al piede. È stato un lungo viaggio e questo un grande momento per ognuno di noi”.


Nessun Commento per “SLOANE STEPHENS ESAUSTA, FORFAIT AL VOLVO CAR OPEN”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.