ROLAND GARROS – STEPHENS: “SONO COMUNQUE SODDISFATTA”

Resta positivo il bilancio di Sloane Stephens nonostante la sconfitta rimediata nella finale del Roland Garros 2018 per mano di Simona Halep

Tennis. Epilogo amaro per Sloane Stephens al Roland Garros 2018, con la tennista statunitense incapace di mettere la ciliegina sulla torta come invece avvenuto l’anno scorso sul cemento degli US Open. La portacolori a stelle e strisce è stata infatti obbligata subire la rimonta per mano della numero uno al mondo Simona Halep.

La talentuosa esponente della Florida ha accusato un vertiginoso calo dopo essersi portata in vantaggio di un set e di un break, antipasto della veemente reazione da parte dell’allieva di Darren Cahill decisa più che mai a spezzare un tabù di tre sconfitte consecutive nelle finali Slam.

“Sono state due settimane bellissime. Non è il trofeo che volevo ma è bellissimo lo stesso, quindi sono comunque soddisfatta. A Simona dico: ‘congratulazioni!

È il tuo primo Slam, te lo meriti tantissimo. Se devo perdere mi va bene perdere contro la numero 1 al mondo”, ha comunque ammesso Sloane tra gli applausi del pubblico.

“Ringrazio il mio team, siete stati strepitosi durante tutto il torneo, senza di voi non sarei qui e non sarei in grado di sorridere nonostante la sconfitta.

Ringrazio tutte le persone che rendono possibile questo torneo e che si prendono cura di noi giocatrici, siete impeccabili e senza di voi non sarebbe un torneo meraviglioso.

Non vedo l’ora di ritornare qui il prossimo anno”, ha infine concluso la Stephens, che era andata ad un passo dalla sconfitta contro la nostra Camila Giorgi. Chissà che l’approdo sull’erba non propizi la rivincita tra Stephens e Halep davanti al pubblico dei Championships.


Nessun Commento per “ROLAND GARROS - STEPHENS: "SONO COMUNQUE SODDISFATTA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.