ISNER: “È STATA LA MIA MIGLIORE STAGIONE, NE SONO MOLTO FIERO”

Il 2018 è stata la migliore stagione in carriera per John Isner, che spera di tornare a Londra anche l’anno prossimo
venerdì, 16 Novembre 2018

Tennis. Le Nitto ATP Finals non si sono concluse nel modo migliore per John Isner, uscito sconfitto in tutte e tre le partite disputate nel Round Robin. Nonostante la comprensibile delusione il 2018 resta comunque un’annata straordinaria per il gigante di Greensboro, capace di vincere anche il primo Masters 1000 della sua carriera in quel di Miami.

Nel 2019 il tennista americana sarà dunque chiamato a confermarsi, già a partire dagli Australian Open, dove non ha mai veramente brillato. Nell’ultima conferenza stampa della stagione, Long John ha voluto tracciare un bilancio sotto tutti i punti di vista, con la speranza di ripresentarsi a Londra anche l’anno prossimo.

“È stata la mia migliore stagione, ho raggiunto il mio best ranking, sarò tra i primi dieci del mondo per la prima volta in carriera e penso che a 33 anni per me sia notevole. Sono stato in Top 20 per nove anni di fila, ma finalmente sono riuscito a fare il grande passo; ne sono molto fiero.

Tra i tanti buoni tornei che ho disputato quest’anno, ce ne sono stati tre in particolari davvero ottimi: Miami, dove ho vinto, Wimbledon, dove ho fatto semifinale, e gli Us Open, dove ho raggiunto i quarti di finale” – ha dichiarato Isner.

“Non è andata come previsto, ho giocato contro giocatori che sono stati sicuramente migliori di me in questa settimana ma ho cercato di dare tutto. Si poteva fare sicuramente meglio. È stata sicuramente un’esperienza positiva. So di non essere giovanissimo, ma voglio provare a tornare qui l’anno prossimo o nei prossimi anni, mi aspetta tanto lavoro.”


Nessun Commento per “ISNER: "È STATA LA MIA MIGLIORE STAGIONE, NE SONO MOLTO FIERO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.