COPPA DAVIS – VERSO LA FINALE: DUBBIO TSONGA, PRESSIONE SU CILIC

Alla vigilia della finale di Coppa Davis tra Francia e Croazia, i due capitani devono ancora sciogliere qualche dubbio

Tennis. Qualche preoccupazione intorno a Jo-Wilfried Tsonga a due giorni dall’inizio della finale di Coppa Davis tra Francia e Croazia, in programma da venerdì allo Stade Pierre-Mauroy di Lille. Il veterano di casa ha accusato infatti un leggero problema alla spalla, che non dovrebbe comunque incidere troppo sul suo impiego.

“Jo sta bene – ha rassicurato il suo allenatore Loic Courteau – la scorsa settimana è stata molto intensa e ha la spalla un po’ arrugginita: visto che nei giorni scorsi aveva forzato, oggi non abbiamo voluto rischiare. Davvero, non c’è nessun problema.

“Non bisogna correre rischila cosa importante è che la scorsa settimana si sia allenato senza limitazioni. Lo stop di oggi, dopo un’ora, non cambia nulla in vista di venerdì. Non conosciamo ancora le decisioni di Noah…”

“Non lascia nulla al caso e ha un approccio molto umano – ha raccontato invece Tsonga a proposito di Noah – si concentra sulle cose buone e non si lascia condizionare da quello che viene detto. Credo che non si possa mai giudicare male chi dà il meglio di sé.”

Nel settore ospite, tutti gli occhi saranno puntati su Marin Cilic, chiamato a trascinare i suoi fin dalla prima giornata nonostante un Master a dir poco incolore.

Il ruolo di secondo singolarista poggia sulle spalle di Borna Coric, autore di notevoli progressi quest’anno grazie alla supervisione di Riccardo Piatti. La compagine guidata da Krajan proverà a far saltare il banco, impedendo così ai francesi di centrare il bis in Coppa Davis dopo lo storico trionfo dello scorso anno.

 

 


Nessun Commento per “COPPA DAVIS - VERSO LA FINALE: DUBBIO TSONGA, PRESSIONE SU CILIC”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.