KYRGIOS FA AUTOCRITICA: “HO BISOGNO DI SENSAZIONI POSITIVE”

Nick Kyrgios sembra finalmente pronto a lasciarsi il passato alle spalle, promettendo battaglia in vista del 2019

Tennis. Il 2019 si prospetta davvero come una stagione fondamentale per le ambizioni di Nick Kyrgios, chiamato a risalire la china dopo i pessimi risultati e gli innumerevoli problemi fisici con cui ha dovuto fare i conti quest’anno. Il talento australiano ha recentemente ammesso di essersi affidato ad un team di psicologi, con il chiaro intento di non disperdere l’enorme talento donatogli da madre natura.

“Mi sento come se avessi finalmente scoperto cosa funziona in me, i lunghi tour lontani da casa dando peso a cose inutili son ciò che mi hanno fatto far male in questa stagione. So di dover alleggerire la mia agenda, giocar i tornei a cui davvero tengo e il resto del tempo dedicarlo alla mia fondazione, che mi trasmette sempre vibrazioni positive” – ha dichiarato infatti Kyrgios in una recente intervista.

“Sono davvero felice di esser premiato dalla mia città, assieme ad un sacco di altri bravissimi atleti, come sportivo meritevole. Sto cercando di gettare le basi per crescere come persona, mi sto concentrando su questo obiettivo.

Ho dovuto fermarmi per veder cosa mi ha reso felice in questi anni, vedendo i bambini che non hanno opportunità per fare sport ho aperto gli occhi e ho cercato di dar loro una possibilità. Lì ho scoperto cosa mi rende felice.”

Il primo banco di prova sarà rappresentato dagli Australian Open tra poco più di un mese, nella consapevolezza di non avere più tantissimo tempo a disposizione per esplodere del tutto. Il 2019 potrebbe davvero essere la sua stagione, a condizione che sia Kyrgios il primo a volerlo.


Nessun Commento per “KYRGIOS FA AUTOCRITICA: "HO BISOGNO DI SENSAZIONI POSITIVE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.