PIQUÈ RILANCIA: “LA PRESENZA DI NADAL È SUFFICIENTE”

Il giocatore del Barcellona Gerard Piquè risponde alle critiche verso la riforma della Coppa Davis, che scatterà dal prossimo anno

Tennis. Nonostante le numerose critiche ricevute nelle ultime settimane, Gerard Piquè non ha alcuna intenzione di mollare il suo progetto di riforma della Coppa Davis. La fase finale della manifestazione si svolgerà a Madrid nel mese di novembre, con Rafael Nadal unico big ad aver già confermato la propria presenza.

Federer è in un momento della sua carriera in cui dà la priorità ai tornei più importanti. Ho parlato con queste persone e non hanno chiuso nessuna porta. L’età di Federer è quella che è, così come le sue gambe. Ho parlato con tutti questi giocatori. Rafa è molto positivo, se non avrà problemi fisici giocherà. Per quanto riguarda Novak, se dovesse scegliere, probabilmente sceglierà la World Team Cup.

Ho avuto l’opportunità di parlargli e l’incontro è stato positivo. Sono sicuro che possiamo raggiungere un compromessoVogliamo focalizzarci sulla competizione a squadre, ovvero come è sempre stato. La Davis Cup è sopravvissuta per 118 anni per questo, i giocatori non sono mai stati così importanti” – ha dichiarato Piquè.

“Rafa mi ha detto che se starà bene, se non sarà infortunato, ci sarà. Il fatto che si giochi a Madrid per lui è uno stimolo in più. È il numero 1 del mondola sua presenza è più che sufficiente”, ha aggiunto Piqué.

Staremo a vedere se l’idea di Piquè raggiungerà dunque il successo sperato, oppure ci troveremo a rimpiangere la tradizione secolare del vecchio format. Di certo le premesse non sembrano incoraggianti, complice anche la concorrenza dell’ATP Cup che avrà luogo in Australia nel mese di gennaio.


Nessun Commento per “PIQUÈ RILANCIA: "LA PRESENZA DI NADAL È SUFFICIENTE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.