BERRETTINI: “IL TITOLO A GSTAAD È STATO GRATIFICANTE”

Matteo Berrettini si racconta ai microfoni della FIT a margine della stagione 2018, dove ha sollevato il primo titolo in carriera
giovedì, 6 Dicembre 2018

Tennis. Tempo di bilanci per Matteo Berrettini, che è stato intervistato dal sito ufficiale della FIT. Il talento capitolino ha sollevato il primo titolo in carriera nel 2018, oltre a manifestare evidenti progressi su tutte le superfici grazie anche alla sapiente mano di Vincenzo Santopadre. Nel 2019 l’obiettivo è quello di migliorare ancora.

“E’ stato bello terminare l’anno confermando il titolo in A1 vinto dodici mesi prima, anche perché più che una squadra siamo quasi una seconda famiglia. Il 2018 è stato per me veramente positivo, sia in termini di risultati che di esperienze maturate” – ha dichiarato il 22enne giocatore romano – “E’ stata la mia prima stagione a tempo pieno nel circuito Atp e ci sono stati davvero tanti momenti significativi, come la prima vittoria in un match dello Slam o poi quella in rimonta al quinto set contro Sock a Wimbledon.

Se però devo scegliere quello top non posso che indicare la conquista del titolo a Gstaad, il primo per me nel tour maggiore, bella e anche inaspettata, per questo doppiamente gratificante. Da fuori può essere sembrata anche una vittoria semplice, ma è stata una settimana intensa e impegnativa.

Mi è capitato di rivedere i match del torneo svizzero, grazie alle repliche proposte da SuperTennis, e devo ammettere che mi emoziono e mi fa un certo effetto guardarmi, con la percezione di alcuni particolari che quando sono in partita non riesco a cogliere del tutto.

Di certo anche dalla tv emerge il fatto che in quel periodo mi sentivo molto bene in campo e mi riusciva abbastanza facile fare le cose giuste.”


Nessun Commento per “BERRETTINI: "IL TITOLO A GSTAAD È STATO GRATIFICANTE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.