BLANCO: “L’OBIETTIVO DELLA NUOVA DAVIS È PROTEGGERE GLI ATLETI”

Tra le menti dietro alla nuova Coppa Davis figura il nome di Galo Blanco, assistito dall’ex capitano spagnolo Albert Costa
martedì, 1 Gennaio 2019

Tennis. Uno dei quesiti che tiene sicuramente banco alla vigilia della stagione 2019 è quello relativo al nuovo format della Coppa Davis, ideato dal calciatore del Barcellona Gerard Piquè. A supervisionare l’ambizioso progetto ci sono però Albert Costa e Galo Blanco, chiamati a rispondere anche alle numerose critiche piovute negli ultimi mesi.

“Mi preoccuperei su qualcuno dei giocatori dei sei paesi già qualificati (Croazia, Francia, Spagna, Stati Uniti, Argentina e Gran Bretagna N.d.r.) avessero affermato che non verranno a giocare la fase finale. Però non è così. Dobbiamo rispettare le squadre che si giocheranno gli spareggi a febbraio perché la Svizzera, anche dovesse schierare Federer e Wawrinka, non è certa di battere la Russia di Khachanov, Rublev e Medvedev.

C’è il rischio che qualche grande giocatore non possa essere presente perché la sua nazione non si è qualificata. Perché la Coppa Davis è una competizione per nazioni” – ha dichiarato Galo Blanco al Mundo Deportivo.

“Ogni stagione ci sono più tornei e il tennis diventa più fisico e quindi si verificano più infortuni. Però noi abbiamo aiutato i giocatori accorciando la Coppa Davis da quattro a due o una settimana all’anno. E passando a match al meglio dei tre set. Qualcuno dice che con i tre set un match perde di epica, però quanti guardano per intero un incontro di sei ore? Bisogna anche proteggere gli atleti.”

Sugli esponenti della Next Gen: “Ancora mancano di maturità ma è questione di tempo. La salute del tennis è garantita perché ci sono grandi atleti e personaggi come Zverev, Thiem, Kyrgios, Khachanov e altri ancora più giovani come Shapovalov e Auger-Aliassime. E un giocatore spagnolo che diventerà forte, Alcaraz, anche se ha solo 15 anni. Ha molto talento.”


Nessun Commento per “BLANCO: "L'OBIETTIVO DELLA NUOVA DAVIS È PROTEGGERE GLI ATLETI"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • ALBERT COSTA: “NADAL CI DARÀ UNA MANO CON LA NUOVA DAVIS” Albert Costa ritiene che i prossimi mesi saranno utili ad accrescere il prestigio della nuova Coppa Davis
  • SPAGNA, MOYA VICINO ALLA PANCHINA? Esonerato il capitano argentino Vazquez, potrebbe diventare vacante anche il posto di Albert Costa, che ha spiegato di volersi prendere alcuni giorni per decidere. Moya in pole position […]
  • COSTA, DAVIS ADDIO L'ex capitano continuerà a lavorare per la Federazione in qualità di coordinatore delle squadre spagnole. Per sostituirlo si parla di Corretja o Moya, anche se quest'ultimo su Twitter ha […]
  • CAMPO PRONTO, CONTORNO MENO A meno di tre giorni dall'inizio della finale di Coppa Davis fra Spagna e Argentina lo Stadio Olimpico di Siviglia, sede dell'evento, appare poco più di un cantiere. Ma per venerdì sarà […]
  • COSTA SVELA DOMANI IL SUO FUTURO Il capitano si riunirà con il presidente Escañuela per comunicargli la sua decisione ufficiale: se lui medita un addio, il suo superiore lo vorrebbe ancora nel suo ruolo...
  • RAFA&CO SFIDANO I PIÙ PICCOLI Al termine della giornata gli spagnoli hanno incontrato in piazza una trentina di bambini, scambiando qualche palla prima di foto e autografi. Domani le ultime due sessioni di allenamento, […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.