ATP HOUSTON: GARIN STENDE IL GIGANTE QUERREY, PERFETTO RUUD

Sono i giovanissimi Garin e Ruud i due finalisti dell’ATP di Houston, entrambi a caccia del primo titolo a livello ATP

Tennis. Saranno Casper Ruud e Christian Garin a contendersi il titolo sulla terra battuta dell’ATP di Houston. Per entrambi si tratterebbe del primo titolo in carriera a livello ATP, ricordando come il cileno avesse già raggiunto una finale il mese scorso a San Paolo (quando sconfisse in semifinale proprio il norvegese).

Nella prima semifinale, Garin ha eliminato contro pronostico il beniamino locale Sam Querrey grazie al risultato di 7-6(2) 6-2 in poco più di un’ora e mezza. L’ultimo successo di un cileno risale a Fernando Gonzalez nel 2009, uno stimolo in più per Garin intenzionato a sfatare questo tabù nell’ultimo atto di domenica.

A seguire Rudd ha infranto le speranze del giovane colombiano Galan, che era stato obbligato a completare il suo match di quarti contro Jordan Thompson sospeso il giorno prima. Il talento norvegese si è imposto per 7-5 6-2 palesando un ottimo stato di forma, a cui si aggiunge anche una ritrovata condizione fisica.

Venerdì ho aspettato tutta la giornata con mio padre [Santos, che è anche il suo coach n.d.r.] seguendo i risultati di Monterrey – ha spiegato Galan ai microfoni di Tennis Channel – nella speranza che qualcuno dei giocatori iscritti alle qualificazioni andasse avanti e rinunciasse al suo posto.

Verso le 20.30, a mezz’ora dalla deadline ho chiamato il giudice arbitro che mi ha detto che ero fuori di un posto. Allora ho deciso di provare con la direttrice del torneo, Brownwyn Greer, che dopo aver guardato all’entry list, alle 20.50 mi ha dato una wild card per il torneo di qualificazione.”

ATP Houston, semifinali:

C. Ruud b. [Q]D. Galan 7-5 6-2
C. Garin b. [11]S. Querrey 7-6(2) 6-2


Nessun Commento per “ATP HOUSTON: GARIN STENDE IL GIGANTE QUERREY, PERFETTO RUUD”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Gennaio 2019

  • Nole è sempre Nole. Djokovic chiude l'anno da n.1 per la quarta volta rimontando addirittura dalla posizione n.22 che occupava a metà del 2017, l'ennesima prova di carattere, volontà e talento del serbo.
  • Zverev apre una breccia. A chiudere in bellezza il 2018 è stato il giovane tedesco col trionfo al Masters, e ora la domanda nasce spontanea: il 2019 sarà l'anno dell'atteso ricambio generazionale in campo Atp?
  • Anno nuovo Davis nuova. Ormai ci siamo, è tempo di rivoluzione in ambito Davis. Si riparte con la nuova formula, ma le polemiche non si placano.