MARTINA HINGIS NELLA HALL OF FAME

TENNIS- Sei anni dopo il suo ritiro ufficiale, la campionessa svizzera viene premiata oggi a Newport e inserita nella Hall of Fame.
sabato, 13 Luglio 2013

Tennis. In due cose è sempre stata brava Martina Hingis: giocare a tennis e far parlare di sè. Finita sotto i riflettori milioni di volte per il suo comportamento poco piacevole in campo e fuori, oggi torniamo di nuovo a parlare dell’ex baby prodigio che interruppe la sua carriera nel 2007, a causa della cocaina trovata nel suo corpo durante il torneo di Wimbledon (‘come Martina Hingis mi ha spezzato il cuore’, per citare e modificare il titolo di un racconto alla Wallace).

Niente gossip stavolta, nonostante la recente separazione dal compagno per infedeltà della stessa, ma un riconoscimento alla carriera, per ricordare che dietro alla ragazzina quattordicenne del me-ne-frego c’era e c’è sempre stato un talento fuori dal comune. Oggi, 19 anni dopo dall’esordio di Martina alla Saalsporthalle di Zurigo, quando ancora vi si ospitava un torneo WTA, la Hingis è entrata a far parte ufficialmente della Hall of Fame a Newport, nella categoria recent player.

E di onorevole nel percorso tennistico della svizzera c’è molto: 5 tornei del Grande Slam in singolare (3 Australian Open, 1 Wimbledon e 1 US Open) per un totale di 43 titoli WTA, per non parlare dei successi ottenuti nel doppio, tra cui 9 prove dello Slam. Nessuno dimenticherà facilmente il 1997, anno in cui Martina vinse ben tre Major su quattro, cedendo soltanto nella finale del Roland Garros contro Iva Majol.
Nello stesso anno, e a soli 17 anni, raggiunse il vertice del ranking mondiale, diventando la tennista più giovane di sempre a dominare la classifica WTA, e vi rimase per ben 209 settimane. La stagione a seguire, il 1998, fu ancora un periodo di successi stellari per la campionessa svizzera, durante il quale portò a casa il secondo Australian Open di fila e i WTA Championships.

Problemi alle caviglie, droga, travagliata vita sentimentale, atteggiamento superbo e arrogante: l’altra faccia di una medaglia che, in alcuni casi, è bene lasciare rovesciata per non permettere di intaccare la memoria di imprese importanti, che hanno riempito il periodo di passaggio tra il dominio della Graf a quello delle Williams.


Nessun Commento per “MARTINA HINGIS NELLA HALL OF FAME”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • SANIA MIRZA AGAINST THE ODDS È uscita l’autobiografia della tennista indiana, sicuramente una delle sportive più criticate in patria, ma allo stesso tempo una delle icone più rappresentative della lotta per la parità […]
  • MARAT SAFIN: “IL TENNIS È DIVENTATO TROPPO PROFESSIONALE” L’ex numero 1 del mondo festeggia l’ingresso nella Hall of Fame del tennis e con ironia confessa di non credere ancora ai risultati raggiunti in carriera: “La vittoria agli Us Open contro […]
  • RADWANSKA, AL LAVORO CON LA NAVRATILOVA La polacca ha pubblicato, sul suo canale Twitter, la foto che la ritrae con la leggenda degli anni '80. Ma c'è un'altra Martina nel suo passato: il suo cognome è Hingis. "Ha pensato anche […]
  • MARTINA HINGIS, DA NUMERO 1 A MAMMA A 38 anni, Martina Hingis aspetta una bambina dal marito ed ex medico sportivo Harry Leemann. Una carriera da coach e da mamma all'orizzonte.
  • MAURESMO INCORONATA NELLA SUA PARIGI Sabato scorso allo Chatrier l'ex allenatrice di Andy Murray ha ricevuto l'anello della Tennis Hall of Fame. "Ho lasciato il tennis giocato senza rimpianti"
  • MARTINA HINGIS, CACCIA AI DOPPISTI PER RIO Senza Federer nel doppio misto e dopo il forfait della Bencic in quello femminile, Martina Hingis è costretta a correre i ripari per salvare le Olimpiadi

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.