ACAPULCO: È FERRER L’UOMO COL SOMBRERO

Lo spagnolo vince in Messico il terzo torneo del suo fantastico 2015, superando contro pronostico il giapponese Nishikori. A Buenos Aires Nadal salva cinque set point a Berlocq ed approda in finale, dove affronterà l’amico Juan Monaco

Acapulco (Messico). David Ferrer non si ferma più. Lo spagnolo, numero nove della classifica mondiale, dopo il successo a Rio de Janeiro ottenuto la settimana scorsa a spese di Fabio Fognini in finale, conquista ad Acapulco il secondo torneo 500 consecutivo ed il terzo titolo del suo per ora straordinario 2015. In finale, il secondo giocatore di Spagna supera  Kei Nishikori più nettamente di quanto non dica il punteggio di 6-3 7-5 maturato in un’ora e 49 minuti di gioco, mettendo fine ad una striscia di quattro successi consecutivi del giapponese, nei loro confronti diretti.

Ferrer comanda nel punteggio praticamente per tutta la partita. Nel primo set parte meglio e si porta sul 3-1 e anche se perde il turno di servizio di vantaggio nel settimo gioco, non si scompone e chiude grazie ad un altro break ottenuto nel game successivo. Nel secondo parziale lo spagnolo si porta addirittura avanti di due break (3-0), ma si fa rimontare fino al 4-4. Dopo aver ritrovato il break al nono gioco, Ferrer perde nuovamente un’occasione non sfruttando la chance di servire per il match. La fine dell’incontro è però soltanto ritardata di qualche minuto, perché Nishikori perde nuovamente la battuta nell’undicesimo gioco, questa volta in maniera decisiva. Alla fine, scorrendo le cifre della partita, a risultare decisivi non sono stati tanto gli undici vincenti dello spagnolo, quanto i 40 errori non provocati del suo avversario, uno che raramente sbaglia così tanto in una singola partita.

Quello di Acapulco è il 24esimo titolo della carriera di David Ferrer, che in questo 2015 sta facendo assolutamente sfracelli. Il suo bilancio attuale è di 18 vittorie ed una sola sconfitta nell’anno solare, patita proprio contro Nishikori, a Melbourne. Ferrer, che nella race attualmente occupa il terzo posto, lunedì sarà al numero 8 anche del ranking ufficiale, scalzando Tomas Berdych dalla top 8. Nishikori può invece consolarsi con il best ranking di numero 4 del mondo.

Nella tarda serata italiana si è delineata anche la finale dell’Argentina Open di Buenos Aires. Come da copione, uno dei due protagonisti dell’ultimo atto sarà Rafael Nadal, che però incontra decisamente più problemi del previsto nello sbarazzarsi di Carlos Berlocq, con il punteggio di 7-6(7) 6-2. Lo spagnolo infatti nel primo parziale, dopo aver mancato cinque palle break, deve annullare altrettanti set point, consecutivi, nel tiebreak, prima di imporsi poi con facilità nel secondo set, approfittando di un avversario scarico di energie nervose, dopo la grande chance gettata al vento nella prima partita. Nella 93esima finale della carriera, Nadal se la vedrà con l’amico di sempre Juan Monaco, vincitore in semifinale su Nicolas Almagro per 6-3 7-6(6) 6-4. Quello di Buenos Aires, è l’unico titolo del “golden swing” (circuito che include anche i tornei di Acapulco, San Paolo e Rio de Janeiro), mancante nella luccicante bacheca del maiorchino. Ma dovesse vincere il trofeo questa sera, Nadal raggiungerebbe Guillermo Vilas, in cima alla classifica dei tennisti con più titoli sulla terra battuta, a quota 46 allori.  

Nella foto, David Ferrer celebra il trionfo con il testa il classico sombrero spettante al vincitore (www.espndeportes.com)


Nessun Commento per “ACAPULCO: È FERRER L’UOMO COL SOMBRERO”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • FOGNINI TROPPO BRUTTO, NISHIKORI IN SEMIFINALE Il ligure, dopo il grande torneo a Rio, saluta immediatamente Buenos Aires, perdendo in meno di un’ora contro Berlocq. Ad Acapulco Nishikori, Ferrer ed Anderson rispettano il pronostico, […]
  • NADAL RULLO, NISHIKORI TOP 4 Lo spagnolo convince a Buenos Aires contro Delbonis, al quale lascia appena due game. Ad Acapulco, la conquista della finale vale un nuovo best ranking per il giapponese, che ora […]
  • ACAPULCO, NISHIKORI E TROICKI A QUOTA 200 Nella notte i favoriti passano il turno nel torneo 500 messicano. Il giapponese ed il serbo tagliano il traguardo delle 200 vittorie in carriera. Bene anche il campione in carica Dimitrov […]
  • ESORDIO OK PER NADAL, DIMITROV CADE DAL TRONO Nella notte buona la prima a Buenos Aires per il numero tre del mondo, che batte l’argentino Arguello. Acapulco perde il bulgaro campione in carica, caduto sotto i colpi di Harrison. […]
  • L’ATP TRASLOCA IN ASIA. VIA A KUALA LUMPUR E SHENZHEN I due tornei, entrambi orfani dei campioni uscenti, aprono la stagione asiatica dell’Atp. In Malesia sono favoriti gli spagnoli David Ferrer e Feliciano Lopez. In Cina occhio a Tomas […]
  • ANCORA FOGNINI, E’ FINALE A BUENOS AIRES L'azzurro batte Robredo e giunge all'atto conclusivo del torneo argentino, in cui affronterà David Ferrer. Semifinali in corso anche a Memphis, con Karlovic primo finalista e Nishikori […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Agosto 2018

  • 50 anni di Flushing Meadows. E di cemento, perché col nuovo stadio gli US Open abbandonarono l'erba di Forest Hills. Chi si aggiudicherà questa importante edizione? Novak Djokovic metterà a segno l'accoppiata Wimbledon-New York? Serena Williams riuscirà a riprendersi lo Slam di casa?
  • Camila leader azzurra. Pace è fatta con la Fit e ora, dopo gli ottimi risultati da solista, la Giorgi è attesa in Fed Cup col compito di rafforzare una squadra completamente rinnovata.
  • Fenomeno Anderson. Il sudafricano sta dando il meglio di sé in questa stagione, a 32 anni e dopo aver subìto una sfilza di infortuni che avrebbe mandato in pensione anche il tennista più zelante. Scoprite come ha fatto a risorgere...