IL CILE PER L’ITALIA

Trasferta nell'emisfero sud per il gruppo guidato da Barazzutti, gli azzurri infatti si giocheranno il ritorno nel World Group contro il Cile di Gonzalez il prossimo settembre
mercoledì, 13 Luglio 2011

Londra (Regno Unito) – Sarà il Cile la prossima avversaria dell’Italia nei play off del World Group di Coppa Davis. La sfida, che si giocherà in trasferta dal 16 al 18 settembre prossimi, non appare troppo complessa per il team azzurro, che davanti a se si troverà una squadra le cui quotazioni dipenderanno molto dalla presenza (e dalle condizioni) in campo di Fernando Gonzalez. Gli altri giocatori disponibili dovrebbero essere Nicolas Massu e Paul Capdeville, nomi che non dovrebbero mettere troppo timore alla truppa azzurra.

La terra cilena ha poi regalato al tricolore l’unica grande emozione in Coppa Davis nel 1976, quando la squadra formata da Corrado Barazzutti, Adriano Panatta, Paolo Bertolucci e Antonio Zugarelli tornò in patria vincente nello scontro finale di Santiago.

“Non è un cattivo sorteggio– ha ammesso Barazzutti-, anche se sarebbe stato meglio giocare in casa. Il Cile può contare su un ottimo giocatore come Fernando Gonzalez  a lungo tra i top ten e ora sceso in classifica solo a causa di infortunio, ma comunque in grado di giocare ottimi match se sta bene. C’è poi Paul Capdeville che è un avversario da non sottovalutare, soprattutto sulla terra rossa. Ripeto, non è un cattivo sorteggio, poteva ad esempio capitarci la Svizzera sempre in trasferta… Però giocare in casa sarebbe stato meglio, in Davis è sempre un bel vantaggio. Vuol dire che dopo gli US Open i ragazzi si faranno trovare pronti per il viaggio in Cile. Dopo aver sfiorato la promozione lo scorso anno in Svezia, questa volta vogliamo centrare l’obiettivo”.

Ovviamente Barazzutti non può non tornare con la memoria alla finale vinta nel 1976 a Santiago:“Speriamo che quel precedente sia di buon auspicio – dice – e che si possa tornare in A proprio laddove abbiamo conquistato la Davis. A quella trasferta siamo tutti molto legati, abbiamo dei bellissimi ricordi. Il Cile ci ha portato fortuna una volta, speriamo che sia così anche il prossimo settembre. Sarebbe bellissimo e suggestivo riconquistare dopo undici anni il gruppo mondiale proprio in Cile”.

Per quanto riguarda gli altri sorteggi usciti dall’urna londinese, la Svizzera dovrà prepararsi ad una lunga trasferta in Australia, mentre la Repubblica Ceca se la vedrà in casa con la Romania; la Russia ospiterà il Brasile, mentre Israele scenderà in campo contro il Canada.

Il Sud Africa ospiterà a settembre la Croazia, mentre l’India andrà in trasferta in Giappone; infine il Belgio se la vedrà in casa contro l’Austria.


1 Commento per “IL CILE PER L'ITALIA”


  1. roberto ha detto:

    L’ultima volta col Cile si è giocato lì,perchè ora si gioca ancora a casa loro??


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.