ISTANBUL E LE PRINCIPESSE SENZA TRONO

Al via l'epilogo di una stagione senza regine. I Championships WTA di Istanbul aperti da Kvitova-Zvonareva. Di seguito in campo Wozniacki-Radwanska e Sharapova-Stosur
martedì, 25 Ottobre 2011

Istanbul è pronta per i WTA Championships, l’ultima realizzazione del Masters femminile. Subito in campo sei delle otto protaogoniste a caccia di un titolo apertissimo al termine di una stagione che ha fatto dell’equilibrio il suo simbolo. Otto principesse a caccia di un trono che nessuna ha saputo meritare fino ad oggi.

Presentiamo brevemente le tre partite in programma oggi.

Petra Kvitova (3) Vera Zvonareva (6). la nuova numero 3 del mondo Petra Kvitova è chiamata ad aprire le finali WTA insieme a Vera Zvonareva, numero 6. La ceca si affaccia al suo primo Masters con un ruolo da potenziale favorita, motivato da un’ascesa dirompente, anche senza tenere conto del lungo periodo ricco di problemi fisici che ha seguito la devastante prestazione di Wimbledon.

Da parte sua la russa si è un po’ eclissata in questo 2011, perdendo posizioni in classifica e perdendo parte della solidità faticosamente acquistata negli anni.

I precedenti sono 3-2 per Vera, con un 2-1 nel 2011 fatto dai successi “pacifici” della Zvonareva nell’Australian Open e a Tokyo e di quello della Kvitova a Madrid. Curiosamente tutti e cinque i match sono terminati in due set abbastanza semplici, fatta eccezione del tie-break del primo set di Tokyo (comunque seguito da un 6-0). A guardare la storia delle partite passate, dovremmo aspettarci che la ragazza più brava nelle prime battute abbia grandi chance di vittoria. A giudicare dalla ripresa mostrata a Linz, Petra Kvitova dovrebbe essere comunque la favorita.

Caroline Wozniacki (1) – Agnieszka Radwanska (8). Nel secondo match del girone rosso saranno opposte la numero uno del mondo Wozniacki e l’ultima a qualificarsi per Istanbul, Agnieszka Radwanska. Caroline si trova di fronte un test importante al termine di una stagione comandata quasi ininterrottamente in termini di classifica, ma quasi mai in termini di risultati. Dopo un buon inizio, la danese ha iniziato a soffrire evidentemente della sindrome Safina. Una prima posizione mondiale raggiunta senza vittorie negli Slam si trasforma in una fonte di tensione micidiale che mina la concentrazione di una giocatrice che non può permettersi cali di tensione, visto il suo tennis poco esplosivo e propositivo. E così sono arrivate tante sconfitte, spesso dovute a crolli psicologici contro avversarie non impossibili.

La Radwanska ha invece salvato un 2011 un po’ grigio, soprattutto negli Slam, con una trionfale tournee’ asiatica. I titoli di Tokyo e Pechino le hanno regalato un ottavo posto che a metà stagione appariva lontanissimo. In una stagione più normale, potremmo pensare che la polacca non abbia nulla da perdere e possa solo onorare la qualificazione. Ma in questo 2011 senza padrone, una giocatrice calda come Agnieszka finisce per meritare un ruolo da potenziale outsider, se non da favorita.

Ipotizzando una Kvitova in forma e favorita nel girone, il match odierno potrebbe essere la chiave del torneo per le due protagoniste, con la vincitrice rilanciata verso la semifinale e la sconfitta che inizierà ad intravedere il meritato riposo.

I precedenti sono 4-1 per la numero uno del mondo, che quest’anno ha sconfitto l’avversaria a Stoccarda (terra) per 7-5 6-3. L’unico successo della Radwanska risale al 2007, quando solo Aga era maggiorenne e vinse facilmente nei quarti di finale di Stoccolma.

Maria Sharapova (2) – Samantha Stosur (7) – Nell’ultimo incontro della giornata potremo verificare le condizioni di Maria Sharapova, che almeno a livello mediatico è certamente la stella numero uno delle finali turche. La siberiana dopo la sconfitta per mano di Flavia Pennetta a Flushing Meadows ha giocato solo a Tokyo, dove è stata costretta al ritiro nei quarti di finale che la opponevano a Petra Kvitova.

La sua avversaria sarà una giocatrice che ha avuto un destino decisamente migliore a New York. Parliamo di Samantha Stosur, regina di uno US Open che sembrava destinato a rinforzare la legenda di Serena Williams. Dopo il successo che le può cambiare la carriera, Sam si è mostrata in condizioni disarmanti sia a Tokyo che Pechino e si è parzialmente risvegliata solo ad Osaka, dove ha raggiunto una finale quasi “obbligatoria” superando avversarie di livello non straordinario prima di soccombere nettamente a Marion Bartoli.

Oltre alla condizione non particolarmente brillante, i precedenti conto Maria Sharapova non sono molto incoraggianti per la Stosur. Maria ha infatti vinto tutti e nove i precedenti e l’australiana non vince un set dal 2005! Tre le sfide in questa stagione, concluse per 6-4 6-1 (Miami), 6-2 6-4 (Roma) e 6-3 6-2 (Cincinnati). Insomma, se la Sharapova si presenterà in forma sufficiente, non dovrebbe sfuggirle il primo successo di queste finali.


Nessun Commento per “ISTANBUL E LE PRINCIPESSE SENZA TRONO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FINALI WTA, ATTO SECONDO La seconda giornata dei WTA Championships mette di fronte Wozniacki e Zvonareva. Sharapova cerca la rivincita, mentre Azarenka misura la condizione della Stosur
  • ‘SARITA’ CHIUDE L’ANNO CON IL BEST RANKING L’azzurra termina la sua stratosferica stagione centrando il miglior piazzamento di un'italiana a fine anno, con il sesto posto. Nella top ten perde due posizioni Petra Kvitova, mentre al […]
  • IL SALTO DI JELENA E' il grande balzo dell'australiana Dokic l'unico vero cambiamento nel ranking Wta, invariato fino al n.28. Jelena, fresca vincitrice del titolo di Kuala Lumpur, è passata dal n.91 al […]
  • IL GIORNO DELLE QUATTRO SEMIFINALI Stosur e Zvonareva mettono alla prova Kvitova e Azarenka nelle due semifinali di singolare. Inzia con le semi il torneo di doppio, c'è anche Flavia Pennetta
  • MASTERS WTA: L’ORA DELLA VERITA’ Dopo Kvitova ed Azarenka, le finali WTA cercano le altre semifinaliste. Li e Stosur si sfidano per un posto, mentre la Radwanska deve togliere un set alla Kvitova per avanzare
  • MASTERS WTA: SORTEGGIATI I GIRONI Prendono forma i WTA Championships. Le urne regalano due gironi difficili da decifrare come del resto il circuito femminile. I bookmakers dicono Kvitova.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.