AL WINSTON-SALEM LA FINALE DICE ROSOL – JANOWICZ. OCCASIONE PER IL POLACCO?

Delineata la finale sul cemento del torneo Winston-Salem. Oggi la finale vedrà opposti Lukas Rosol al gigante polacco Jerzy Janowicz, quest'ultimo tornato competitivo per gli Us Open?
sabato, 23 Agosto 2014

Il “Winston-Salem Open”, torneo Atp250 dotato di un montepremi complessivo di 598.260 dollari in corso sul cemento statunitense della North Carolina ha finalmente la sua finale. Se la contenderanno il ceco Lukas Rosol ed il bizzoso polacco Jerzy Janowicz, quest’ultimo tornato prepotentemente alla ribalta dopo un anno pressochè da comprimario, cosa che ha fatto decisamente a pugni rispetto alle stagioni passate quando l’attuale numero 52 del ranking mondiale combatteva quasi ad armi pari coi big del tennis mondiale.

Bene invece, benissimo è Lukas Rosol. Il ceco è quando si dice il solito ‘martello’ proprio in questi tornei di preparazione ai grandi appuntamenti (lunedì scatteranno gli Us Open). Nella sua semifinale il numero 33 del mondo (ma potrebbe clamorosamente scalare ancora la classifica mondiale già ad inizio settimana) supera la grande sorpresa della settimana che risponde al nome di  Yen-Hsun Lu in tre set con il punteggio finale che dice 7-5 4-6 6-4, guadagnandosi l’accesso al terzo atto conclusivo della sua stagione, il quarto della carriera ma solo il primo sul cemento. La sua storia qui in questo torneo che si gioca nella North Carolina si è però scritta quasi in maniera potremmo definirla accidentale, anche se non è propriamente corretto. Harrison ad esempio al primo turno era avanti di un set prima che lo stesso alzasse bandiera bianca e concedesse a Rosol la possibilità di avanzare. Non dimentichiamo certo il clamoroso walkover di Isner arrivato ai quarti ed in un momento molto particolare e delicato del match. Il ventinovenne di Brno, famoso per aver eliminato Rafael Nadal al secondo turno di Wimbledon nel 2012 oggi (ore 18.30 italiane) cercherà di vincere il suo secondo titolo a livello ATP dopo il suo primo titolo conquistato a Bucharest nel 2013. Rosol è 33esimo in classifica ATP, la sua migliore, e sta giocando bene nel 2014 e l’impressione è che dopo Wimbledon sembra aver acquistato ancora più fiducia con una serie di 5 tornei nei quali ha raggiunto almeno i quarti di finale (finale a Stoccarda, quarti ad Amburgo, Umago e Kitzbuhel e almeno la finale a Winston Salem).

Occhio a Jerzy Janowicz. Perchè? Beh perchè per il polacco ha tutto sommato giocato un ottimo torneo culminata proprio con la rimonta contro Sam Querrey (idolo di casa) qui sul cemento del torneo Winston-Salem. Dopo un’autentica battaglia (quasi due ore e mezza) a colpi di aces e dritti eseguiti a tutto braccio Jerzy riesce finalmente a venirne a capo 4-6 7-5 6-4 e a sorridere dopo i periodi così così degli ultimi tempi. Per lui è seconda finale in carriera che si non sta certamente vivendo, come accennato in precedenza, una buona stagione dopo che si era messo in luce nel finale del 2012 (quando ha raggiunto la sua prima finale al Master 100 Parigi-Bercy persa contro Ferrer) ed il suo straordianrio e palpitante Wimbledon nel 2013 finito soltanto in semifinale contro Murray. Quest’anno, dopo un inizio buono raggiungendo la semifinale a Montpellier e i quarti a Rotterdam, il gigante polacco ha faticato perdendo al primo turno in sei tornei consecutivi. Dopo il torneo olandese, Jerzy ha raccolto solo 7 vittorie e ben 16 sconfitte (inclusi gli incontri di Davis) prima di questo torneo. Già a Cincinnati la settimana scorsa si era intravista la ripresa quando ha eliminato Dimitrov al secondo turno, ma dopo quella vittoria c’è stato un tonfo contro Benneteau. In questo torneo invece ha fatto fuori in maniera anche piuttosto brillante avversari del calibro come Berlocq, Sousa, Roger-Vasselin, Goffin ed infine Querrey.

Precedenti? Son tre le volte in cui i due pretendenti al titolo americano si sono affrontati, uno solo a livello ATP . Nel 2009 si sono scontrati in un Future in Germania e vinse il polacco in tre set sul sintetico. Nel 2011 è stato Rosol a vincere sulla terra di casa nel torneo Challenger di Praga. Nel 2013 Janowicz ha vinto l’unico precedente, anche in maniera abbastanza netta,  in un torneo ATP sul cemento di Marsiglia 6-2, 6-4.


Nessun Commento per “AL WINSTON-SALEM LA FINALE DICE ROSOL - JANOWICZ. OCCASIONE PER IL POLACCO?”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.