ANCHE PAU GASOL E IL REAL MADRID DIFENDONO NADAL

Arrivano altre parole di sostegno per l'ex numero uno del mondo, alle quali si uniscono quelle più dure dello zio e allenatore Toni nei confronti dell'ex ministro francese che aveva lanciato le accuse legate al doping
lunedì, 14 Marzo 2016

TENNIS – Ormai è una “battaglia” a tutti gli effetti. Dopo il presidente del consiglio dello sport spagnolo infatti, anche il campione Nba Pau Gasol e il Real Madrid, di cui Rafa Nadal è grande tifoso, sono scesi in campo dalla parte dell’ex numero uno del mondo a seguito delle pesanti dichiarazioni dell’ex ministro dello sport francese Roselyne Bachelot, che pichi giorni fa aveva accusato il maiorchino di aver fallito un test anti-doping nel 2012.

“Ho piena fiducia in lui – ha dichiarato il cestista dei Chicago Bulls dimostrando pieno sostegno al suo amico Rafa – e credo anche che accuse del genere, lanciate senza alcun riscontro, non dovrebbero mai esistere. Allo stesso tempo però non gli si deve dare nemmeno troppa importanza, perché si commentano da sole”.

Cosa sulla quale si è pronunciato con un comunicato ufficiale anche il Real Madrid, squadra del cuore di Nadal. “Vogliamo manifestare tutto il nostro appoggio al nostro socio onorario Rafa Nadal – si legge nella nota diffusa dalla Casa Blanca – perché i suoi trionfi si sono sempre basati su una condotta esemplare, fatta di lavoro, talento e grande capacità di sacrificio. Per questo riteniamo del tutto ingiustificabile e intollerabile l’attacco dell’ex ministro dello sport francese Bachelot. Nadal è amato e ammirati da milioni di fans in tutto il mondo e il Real Madrid sta totalmente dalla sua parte”.

Un attestato di stima non indifferente quindi per Nadal, al quale si sono aggiunte anche le parole dello zio e allenatore Toni, che come suo solito è stato molto diretto e pragmatico. “Rafa non si doperebbe nemmeno se non ci fossero i controlli – ha affermato – potete stare certi che è una persona pulita che non farebbe mai nulla di scorretto. Sinceramente – ha proseguito Toni Nadal – non ho letto fino in fondo le parole dell’ex ministro dello sport francese, perché non mi interessa: una persona che diffama in questo modo e che dice cose infondate in questa maniera non la tengo minimamente in considerazione.

Di certo però – ha concluso – è singolare che un ex ministro possa dire cose del genere, anche perché è sempre piuttosto offensivo parlare in maniera così superficiale della vita degli altri senza mostrare il minimo rispetto. Ma magari avrà delle conseguenze per questo, perché dovrà dimostrare qualcosa che non corrisponde alla realtà”.

Nella foto Rafa Nadal insieme allo zio e allenatore Toni (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ANCHE PAU GASOL E IL REAL MADRID DIFENDONO NADAL”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.