AGASSI, CAMPIONE SENZA ETA’

Compie 42 anni Andre Agassi, campione e personaggio unico nella storia recente del nostro sport
domenica, 29 Aprile 2012

Nel celebre romanzo di Douglas Adams “La Guida Galattica per gli autostoppisti” il computer Pensiero Profondo viene costruito al solo scopo di calcolare la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto. Il computer calcola per sette milioni e mezzo di anni e gli scienziati scoprono finalmente che la risposta è “42”. Solo per comprendere di non avere mai conosciuto la domanda.

Viene così creato un nuovo computer, chiamato Terra, al solo scopo di determinare quale fosse la domanda. E forse, direbbero a Las Vegas, ora la risposta è giunta, perché 42 è l’età oggi raggiunta da Andre Agassi. Forse qualcuno obietterebbe all’idea che l’intera Terra esista solo per permettere all’ex-kid di raggiungere questa età, ma molti meno avrebbero dubbi sull’importanza di Andre Kirk Agassi nel tennis moderno.

Quando si parla di Agassi si parla quasi inevitabilmente di uno dei tennisti più forti di sempre, di uno dei personaggi più influenti della storia dello sport, di un fenomeno mediatico che ha salvato il tennis da una (presunta) crisi. Eppure i meri dati statistici non giustificano questo entusiasmo fatta forse eccezione per l’enplein di Andre, unico tennista capace di vincere almeno una volta ciascuno dei quattro Slam, il Master di fine anno, il singolare olimpico e la Coppa Davis.

Un’impresa notevole, ma che non può compensare per “soli” otto titoli dello Slam, otto meno di Roger Federer, sei meno del quasi coetaneo Pete Sampras, vincitore anche in 20 delle 34 sfide dirette (4-1 nelle finali degli Slam) che hanno caratterizzato il più grande dualismo degli anni ’90. 17 titoli in quelli che oggi chiamiamo Masters 1000 sono tanti, ma già alla loro giovane età Nadal e Djokovic guardano dall’alto Andre.

Eppure quasi nessuno può negare il ruolo di Andre Agassi nel tennis recente. E non possiamo ridurre tutto al “personaggio”, perché anche il tennista merita il ruolo straordinario che gli viene attribuito. Un’osservazione che ci può aiutare a prendere con un po’ di cautela le sequele di primati che accompagnano prima Federer, poi Nadal, ed ora Djokovic. Anche ai tempi, non troppo lontani, di Agassi e di Sampras, il tennis era uno sport che non si lasciava inquadrare in gerarchie così rigide come negli ultimi anni, in cui invece l’uniformazione tra le superfici e gli sviluppi nelle racchette hanno portato ad un registro monotematico, troppo spesso nascosto dalle presunte imprese storiche dei protagonisti di oggi.

Il “personaggio”, dicevamo. E’ difficile scrivere di Andre Agassi, soprattutto dopo il successo della sua autobiografia “Open”, un volume che ha saputo uscire dall’orizzonte degli appassionati, anche per alcune rivelazioni senza peli sulla lingua. Chi scrive ha solo un anno meno di Andre, e lo ha visto crescere e perdere capelli. Si è sentito rispondere “Devo farmi una doccia” alla richiesta di un autografo da un giovane in jeans dalla lunga e policroma chioma, ed ha assistito alle ultime poco esaltanti esibizioni di un calvo santone incapace di chiudere con uno spirito sereno la sua straordinaria carriera.

In tutto questo non ha mai capito cosa significasse “personaggio” e perché Andre fosse universalmente etichettato in questo modo. Non ha mai capito come una persona della sua età potesse avere relazioni solo con donne famosissime nel proprio campo, ne’ perché la caduta dei capelli abbia trasformato un americano un po’ strampalato in una sorta di guru. Ma ha ammirato Andre in campo, soprattutto nella sfida infinita contro Pete Sampras. E tutto sommato crede di avere colto il meglio di quanto Andre Agassi abbia lasciato sul computer chiamato Terra.


1 Commento per “AGASSI, CAMPIONE SENZA ETA'”


  1. Mariarosa&Umberto ha detto:

    Tanti auguri di buon compleanno ad uno dei più grandi campioni di tutti i tempi! 🙂


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • BUON COMPLEANNO ANDRE AGASSI Uno dei pilastri dell’era moderna della disciplina, uno dei migliori interpreti del tennis post serve and volley, un attaccante da fondo campo, un ribelle, la rockstar del tennis. Andre […]
  • PETE SAMPRAS, ECCO IL TRAGUARDO DELLE 45 CANDELINE Lo statunitense figlio di emigrati greci è una delle leggende del tennis: oggi Pete Sampras festeggia 45 anni votati alla racchetta e all’eleganza
  • ANDRE: PROTAGONISTA SEMPRE Andrè Agassi compie 41 anni. Ripercorriamo la sua complessa vita da star che, partita da Las Vegas, ha attraversato il mondo in lungo ed in largo avendo il tennis come filo conduttore. […]
  • “LA PERSONA CHE AMMIRO DI PIÚ È MIA MOGLIE”. PAROLA DI ANDRE AGASSI Intervista secca che l’ex tennista rilascia a Rosanna Greenstreet del Guardian. Parole dolci quelle che il kid di Las Vegas ha per la moglie, Steffi Graf e per i propri figli e che […]
  • TANTI AUGURI STEFFI, CAMPIONESSA SENZA TEMPO L'ex tennista tedesca compie 46 anni, una vita tra tennis e record, traguardi e copertine. Il "panzer" rosa ha vinto oltre 100 titoli in carriera, seconda per vittorie nei Major, la […]
  • BUON COMPLEANNO A BRAD “UGLY” GILBERT Compie 56 anni uno dei coach più influenti degli anni ’90 e duemila. Brad Gilbert ha fatto dell’allenamento mentale e dell’analisi dell’avversario le sue bandiere ed è riuscito a riportare […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.