ANDREA ARNABOLDI CEDE A MARTERER LA FINALE DI BANJA LUKA

Arriva un'altra finale mancata per Andrea Arnaboldi che cade nella semifinale di Banja Luka per mano del tedesco Marterer

Tennis – Niente da fare per Andrea Arnaboldi che nella semifinale del Challenger di Banja Luka, torneo in terra battuta ed ospitato in Bosnia ed Erzegovina con un montepremi da 43mila euro, è stato sconfitto dal tedesco Maximilian Marterer con il punteggio di 7-6(4) 6-0.

Un peccato per l’azzurro numero 245 del mondo che, purtroppo, nulla ha potuto sulla testa di serie num.3 e 121esimo del ranking. È certo che Arnaboldi, ventinovenne di Cantù, ha comunque giocato un ottimo challenger sconfiggendo al primo turno il serbo Kristin (5-7 6-1 6-3), poi lo spagnolo numero 106 mondiale Carballes Baena (6-2 6-3) e ai quarti di finale il Next Gen Auger-Aliassime di 17 anni (6-3 6-4).

Andrea Arnaboldi sta piano piano prendendo la sua fetta di notorietà, infatti assieme al francese Pierre-Hugues Herbert detiene il record del match al meglio dei 3 set più lungo e con più game giocati nella storia: il 21 maggio 2015, in un incontro di qualificazione al Roland Garros, Arnaboldi sconfigge il transalpino nel secondo turno di qualificazione con il punteggio di 6-4, 3-6, 27-25, rimanendo in campo 4 ore e 30 minuti e disputando 71 game (superando i precedenti record di 4 ore e 26 minuti e 66 game, tenuto da Isner e Mahut al primo turno di Wimbledon 2010).

Con questa sconfitta Andrea Arnaboldi sale a quota 4 finali mancate in stagione, dopo San Luis Potosì in Messico,Tallahassee in Florida e Biella.


Nessun Commento per “ANDREA ARNABOLDI CEDE A MARTERER LA FINALE DI BANJA LUKA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.