BINAGHI: UN TORNEO STRAORDINARIO

Il presidente della Federazione Italiana Tennis chiede, sulla base degli eccellenti risultati, l’allungamento a 12 giorni del combined di Roma. In arrivo un secondo campo centrale
domenica, 20 Maggio 2012

Roma. Angelo Binaghi è giustamente felice e rilassato. Gli Internazionali Bnl d’Italia sono andati benissimo, con un grande risultato di pubblico e di audience televisiva a livello mondiale, confermando che la via seguita è quella giusta.

E’ compassato, ma si vede benissimo che se potesse darebbe il via ad una ola. Con questo stato d’animo si presenta alla conferenza stampa, per la prima volta trasmessa in diretta televisiva sul canale della Federazione, visibile in chiaro sul digitale terreste e nel pacchetto Sky.

Angelo Binaghi: “Mediamente capita ogni 30 anni un successo come quello di oggi (si riferisce alla vittoria in finale di doppio della coppia formata da Sara Errani e Roberta Vinci), così vi faccio un regalo e per la prima volta non vi inondo di grafici e tabelle per dimostrare quello che di bello sta accadendo nel tennis italiano”.

Il presidente della Fit prosegue: “Mi faccio violenza alla mia cultura di ingegnere per parlarvi del percepito e degli stati d’animo. E’ stato un successo che supera gli ambiti sportivi, un fenomeno sociale e di costume, e voi giornalisti lo avete fatto diventare un fenomeno di massa”.

Ogni anno una novità. “Cerchiamo di fare il nostro meglio e di migliorarci, quest’anno anche abbiamko aperto ai con i new media, con facebook e twitter, così abbiamo coinvolto i giovani che hanno ben risposto. Grazie al nostro canale tv Supertennis abbiamo regalato tutto il tennis ogni giorno (è un canale free ndr), grazie a lui è esplosa la voglia di tennis in tutto lo stivale, dal nord al sud, creando un entusiasmo che si è canalizza sugli Internazionali Bnl d’Italia”.

Economia giù, tennis su. “Siamo orgogliosi di dimostrare al mondo intero che anche in questo periodo di crisi si possono fare cose fantastiche ed attrarre investimenti stranieri. Inoltre gli introiti vengono devoluti per la metà alla cultura ovvero al Foro Italico”.

Bravi i nostri ragazzi. “Siamo molto soddisfatti – ha proseguito Angelo Binaghi– dei risultati dei nostri ragazzi, dopo 25 anni abbiamo vinto un doppio e con Andreas Seppi siamo arrivati ad un quarto di finale. Questi risultati non vengono per un caso. L’ingresso di Andreas Seppi nei top 20, consacrerebbe poi il nostro tennis. Le ragazze sono fantastiche e mi dispiace per chi ha detto che dopo Flavia Pennetta e Francesca Schiavone non ci sarebbe stato altro. Mi sembra che la miglior risposta la abbiano data  Sara Errani, Karin Knapp e giovani come ad esempio Nastassja Burnett”.

Non è un fuoco di paglia. “La continuità di risultati è unica al mondo. Per il futuro Atp e Wta si sono accorti delle potenzialità e che il torneo ha bisogno di allungare le energie su più giorni. Basta immaginare che solo i biglietti sono esauriti 4 mesi prima del torneo”.

12 giorni di gloria. “Il Foro italico non si può allargare poiché è un complesso monumentale, per questo bisogna portare a 12 giorni il combined di Roma”.

Un secondo centrale. “Ci sono ancora nel sito aree che possono essere sistemate e messe a disposizione del torneo. I soldi ci sono. – afferma Binaghi –  Io credo che la Supertennis arena possa avere non solo uno sviluppo in termini numerici, ma che possa essere posizionata stabilmente all’interno dell’impianto del Foro Italico; spostata rispetto ad oggi per creare un secondo centrale permanente ed integrato nel complesso”.

Settore tecnico. Alla domanda scaramantica “non è che adesso ci verrà la simdrome Wimbledon? Ovvero facciamo un torneo bellissimo ma non risuciamo a trovare un grande giocatore?” Il presidente della Federazione Italian Tennis ha risposto: “E’ un invito alla federazione di non diventare solo un organizzatore di tornei ma dare impulso al settore tecnico. Oggi la forza del nostro torneo è quella di essere anti ciclico; siamo arrivati dove siamo senza avere campioni che hanno avuto altri paesi. Noi ci siamo sviluppati e cresciuti quando il tennis maschile non ha avuto grandi campioni,  è questo è un segnale importante. Abbiamo ben in testa che l’obiettivo di una federazione deve essere quello delle medaglie olimpiche.

I risultati sono molto confortanti. “Negli ultimi due anni abbiamo vinto 2 titoli a squadre nel femminile, Francesca Schiavone ha vinto il Roland Garros e l’anno dopo è andata in finale; siamo stati numeri 1 al mondo con Flavia Pennetta in doppio; siamo tornati in serie a di Coppa Davis ed abbiamo 7 giocatori in top 100. Certo non ci dobbiamo accontentare e lavorare per dare un campione maschio al Paese, ma se paragoniamo gli anni precedenti il risultato è ottimo”.

Scrocconi addio. Sui giornali è apparsa la notizia che la Fit ha dovuto fronteggiare la richiesta di decine di migliaia di biglietti gratis. Binaghi risponde sornione: “E’ un termometro che si alza sempre più con il crescere della manifestazione. Se i biglietti in vendita finiscono, vengono assaltati sponsor,  Coni e Federazione. Abbiamo cambiato la gestione dei biglietti omaggio, che oggi è difficilissima e continueremo a muoverci in questa direzione”.

Un calcio alle date. Sistematicamente accade che il giorno della finale sia “funestato” dalla presenza di eventi calcistici; ad esempio oggi c’è la finale di Coppa Italia. E’ mai possibile che non si trovi una soluzione? Binaghi: “Mi sembra ragionevole, anche se il calcio ragiona come se fosse l’unico sport, mentre noi siamo diventati il primo sport individuale italiano. Spero si possa collaborare ai calendari che siano vantaggiosi sia per gli appassionati di calcio e di tennis, anche perché molti sportivi desiderano seguire entrambi senza dover scegliere per la concomitanza degli eventi”.

Foto: Angelo Tonelli


4 Commenti per “BINAGHI: UN TORNEO STRAORDINARIO”


  1. Roberto Riccardi ha detto:

    Grazie per le segnalazioni, si trattava ovviamente di refusi. Aggiungo una cosa: visto come è finita per pioggia la giornata di domenica e ricordando la finale alluvionata dello scorso anno, vorrei ora porre una domanda al Presidente Binaghi: a quando la copertura del centrale? Almeno di quello “vecchio”, per la supertennis arena ci accontentiamo così.

  2. Mariarosa&Umberto ha detto:

    x fabio: concordiamo con te aggiungendo che Binaghi si è fatto scappare Pistolesi, allenatore ormai di fama internazionale e la Oprandi…

  3. Mariarosa&Umberto ha detto:

    Siamo stati al Foro è davvero bellissimo ma dobbiamo fare qualche appunto…i ragazzi che fanno vigilanza e assistenza non sono affatto volontari come si è sentito in qualche intervista, ma vengono pagati la miseria di euro 3.60 l’ora…qualcuno dirà che è un rimborso spese ma pur sempre un misero rimborso per dodici ore lavorative al giorno!
    x ROBERTO RICCARDI: scusa se ti faccio qualche appunto…c’è un refuso nel nome di Binaghi che non è Massimo ma Angelo, probabilmente ti sei confuso con Massimo Caputi che era anche lui alla conferenza stampa; poi il nome della Burnett non è Natasha ma Nastassja 🙂

  4. Fabio ha detto:

    Secondo il mio umile parere, i successi italiani che il presidente Binaghi non ha mancato di menzionare sono più frutto del lavoro individuale – naturalmente di scuola spagnola – che non dei sedicenti progressi della FIT.
    Binaghi vende fumo, e per ora gli sta andando bene grazie alle coincidenze.
    Ma questa attitudine cocciuta e vanagloriosa non porterà nulla di buono al Tennis italiano, che marcia sul posto da anni, agrappandosi a sporadiche vittorie individuali, senza investire nei giovani e nella formazione tennistica, ma preferendo sperperare i propri averi per mantenere Barazzutti e la Schiavone.


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • IL BORSINO DELLE ITALIANE In chiusura di stagione è tempo di bilanci. Chi è salito e chi è sceso, tra gli azzurri, nella borsa del circuito professionistico? Iniziamo con le donne.
  • L’ITF CAMBIA IDEA, FED CUP A CAGLIARI TENNIS – E’ ufficiale, la finale della cinquantesima edizione della Fed Cup si giocherà outdoor sulla terra rossa del capoluogo sardo il 2 ed il 3 Novembre. Le azzurre cercano il poker […]
  • WTA PALERMO: AL VIA GLI ITALIACOM OPEN TENNIS – Al via il torneo WTA International di Palermo. Sara Errani, prima testa di serie, guida la pattuglia azzurra. In campo anche Roberta Vinci, Karin Knapp, Flavia Pennetta e Nastassja Burnett.
  • CAOS WILD CARD: A CHI ASSEGNARLE? L’avvicinarsi della 69esima edizione degli Internazionali BNL d’Italia pone con se i soliti dubbi riguardanti l’assegnazione delle “wild card”. Chi sono i più meritevoli di riceverla?
  • PORTA LA FED CUP 2013 A CASA TUA Sei proprietario di un Circolo di tennis e vuoi far disputare nel tuo impianto i match di Fed Cup 2013 tra Italia Stati Uniti? Ora è possibile, basta che la struttura corrisponda ai […]
  • QUI FORO: NADAL GIOCA, DJOKOVIC FA SUL SERIO Mentre Rafa si intrattiene con i piccoli tennisti, Novak stende Tomic. Murray soffia sulle candeline e Potito Starace perde e saluta i Top 100. La giornata nelle foto scattate da Felice Calabrò

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.