AO DAY 9. SALE LA FEBBRE PER SHARAPOVA VS WILLIAMS

È tempo di quarti di finale a Melbourne. Apre le danze Agnieszka Radwanska, opposta a Carla Suarez Navarro. Poi tocca alla siberiana contro la numero 1 del mondo. Roger Federer affronta Tomas Berdych, mentre Novak Djokovic si trova davanti Kei Nishikori.
lunedì, 25 Gennaio 2016

TENNIS – Melbourne. É il nono giorno di gioco a Melbourne Park e adesso sì che si fa sul serio. In tabellone ci sono ormai pochi giocatori e pochi incontri. Pochi ma buoni. Iniziano infatti i quarti di finale del primo Slam della stagione.

È la Rod Laver Arena il teatro di gioco. Si inizia alle 11 di Melbourne (1 di notte in Italia). Agnieszka Radwanska affronta Carla Suarez Navarro (H2H 2-1). La polacca numero 4 del seeding e la spagnola numero 10 aprono le danze sul campo principale degli AusOpen. Le due protagoniste di questo primo quarto di finale femminile si sono affrontate soltanto su terreni nobili. L’ultima volta è successo a Key Biscane nel 2015, con vittoria della tennista iberica, mentre nelle due occasioni precedenti il match ha avuto come teatro Flushing Meadows (2012) e la Rogers Cup (2009), con vittorie della vincitrice delle Wta Finals 2015. Il pronostico, quindi, pende leggermente nei confronti della Radwanska, ma si sa, fare pronostici in questa fase del torneo appare quantomeno complicato.

Dopo tocca a Serena Williams vs Maria Sharapova (H2H 18-2). Il match probabilmente più atteso della giornata non avrà inizio prima delle 12.45 ora di Melbourne (in Italia saranno le 2.45). Ci sono tante storie dietro a questa partita, come ad esempio il fatto che si tratta della riedizione della finale dello scorso anno. Che questo incontro è stato per nove volte, cinque delle quali in un major, una finale di torneo. E che Serenona ha vinto in sette di queste nove occasioni. Non ci sono tante storie, infatti, nel bilancio dei precedenti. La numero 1 del mondo e del torneo conduce con un disarmante 18-2 e non viene battuta da Maria Sharapova dalle Wta Finals del 2004. Non a caso i bookmakers la danno decisamente favorita. La minore delle sorelle Williams ha iniziato il torneo in quasi in sordina, battendo la nostra Camila Giorgi con un 6-4, 7-5. Ma nei match successivi si è come risvegliata, non cedendo set e lasciando alle avversarie la miseria di 8 game in totale. Il cammino di Maria Sharapova, invece, è stato quasi inverso. La russa ha stravinto i primi due match contro Nao Hibino (6-1, 6-3) e Aliaksandra Sasnovich (6-2, 6-1), ma ha ceduto un set a Lauren Davis (6-1, 6-7, 6-0) e faticato non poco contro Belinda Bencic (7-5, 7-5).

Roger Federer vs Tomas Berdych (H2H 15-6). La sessione mattutina si chiude con il botto sulla Rod Laver Arena. Con orario d’inizio fissato non prima delle 2.30 ora di Melbourne (le 4.30 in Italia) iniziano i quarti di finale maschili. In campo ci sono Roger Federer e Tomas Berdych. Lo svizzero ha giocato un match alla velocità della luce contro David Goffin (6-2, 6-1, 6-4) e ha fatto più o meno la stessa cosa con Grigor Dimitrov, contro cui ha ceduto l’unico parziale del suo torneo, contro Alexandr Dolgopolov e Nikoloz Basilashvili. Il ceco numero 6 del torneo si è sbarazzato in sequenza di Yuki Bhambri, Mirza Basic, Nick Kyrgios e Roberto Bautista Agut. Berdych ha dimostrato grande maturità e freddezza nel gestire il match contro il beniamino di casa Kyrgios, ma si è lasciato trascinare al quinto da Bautista Agut.

Federer e Berdych si sono affrontati ben 21 volte nella loro lunga carriera. Il tennista di Basilea conduce con 15 vittorie contro 6, ma il ceco gli ha inflitto un paio di sconfitte difficili da digerire nella sua carriera: Atene 2004 (torneo Olimpico); Wimbledon 2010 (ai quarti di finale), Us Open 2012 (quarti di finale). Insomma, quando i due si incontrano ai quarti di finale in uno Slam, il pronostico non è mai scontato.

Dopo il primo quarto di finale maschile si terrà la Hall of Fame Cermony sul campo principale di Melbourne. Ma alle 19.15 ora australiana (in Italia saranno le 9.15 del mattino) si torna a giocare con il secondo quarto di finale maschile tra Novak Djokovic e Kei Nishikori (H2H 5-2). Ci sono sette precedenti tra i due tennisti. Il bilancio resta saldamente in favore del numero 1 del mondo, che ha vinto in cinque occasioni e ha asfaltato il nipponico nelle ultime quattro occasioni. Ma scendendo più nel particolare si nota che i confronti negli Slam sono in perfetta parità. Anzi, Kei Nishikori si è aggiudicato l’ultimo scontro, giocato a livello di semifinale agli Us Open 2014. Sia chiaro, da qui a darlo favorito contro il robot Nole ce ne passa. Ma il serbo ha faticato contro Gilles Simon agli ottavi di finale, mentre il giapponese si è sbarazzato di Jo Wilfred Tsonga in tre set. La semifinale di Flushing Meadows potrebbe essere una variabile da prendere in considerazione? Questo non è dato saperlo, sarà il campo a dare il suo verdetto. E i bookmakers dicono che sarà Novak Djokovic a vincere. La giornata sulla Rod Laver Arena si chiude con l’atteso match di doppio che vede opposta la coppia australiana formata da Anastasia e Arina Rodionova contro la coppia numero 15 del torneo formata da Yi-Fan Xu e Saisai Zheng.

L’intera sessione programmata sulla Margaret Court Arena è destinata al torneo di doppio. Interessante il match tra Vasek Pospisil/Jack Sock (9) e Pablo Cuevas/Marcel Granollers (16). E poi tocca a Martina Hingis. La svizzera gioca prima con la compagna Sania Mirza (contro Anna-Lena Groenefeld/Coco Vandeweghe) e poi, dopo Nestor/Stepanek vs Huey/Myrni, ritrova Laender Paes per il match di doppio misto contro Jean Julien Roger/Sloane Stephens.

Qui il programma completo della giornata.

Foto: Serena Williams e Maria Sharapova si sono affrontate lo scorso anno in finale (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “AO DAY 9. SALE LA FEBBRE PER SHARAPOVA VS WILLIAMS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.