BENE JANOWICZ E PAIRE, FUORI A SORPRESA MONFILS

Mix di primi e secondo turni nei due tornei indoor europei: Jerzy e Benoit si guadagnano i quarti di finale in Svezia, mentre in Austria KO inaspettato per Gael per mano di un LL

Tennis. Entrano nel vivo i due tornei ATP 250 su cemento indoor che fanno da preludio agli atti finali di Parigi-Bercy e Londra che tra fine ottobre e metà novembre chiuderanno la stagione della racchetta. Nello specifico, a Vienna per l’Erste Bank Open (Prize Money: € 501,355) e a Stoccolma per l’If Stockholm Open svedese (Prize Money: € 530,165) i teatri per queste due tappe del calendario ATP che volge ormai al termine.

In Svezia, è un mix tra primi e secondi turni a compilare il calendario di giornata. Certamente il match più interessante è quello che mette in palio un posto negli ottavi di finale, e che solo uno tra il 30enne di Madrid Fernando Verdasco, numero 32 del singles ranking, e il 28enne croato Ivan Dodig, numero otto del seeding, potrà afferrare. Incontro combattuto durante tutto l’arco del suo svolgimento: Dodig vince il primo set al tiebreak in un parziale decisamente equilibrato e con rare occasioni di break, ma è poi il più esperto spagnolo a prevalere e a rimontare l’incontro stesso, dominando il secondo set con due break di vantaggio e infine aggiudicandosi la terza e decisiva partita, anch’essa in sostanziale equilibrio, togliendo il servizio all’avversario nel decimo game di gioco.

Ora, ad aspettare lo spagnolo negli ottavi di finale, il 32enne finlandese Jarkko Nieminen: il tennista al 41esimo posto della classifica mondiale si è guadagnato l’accesso al livello successivo del torneo battendo, anch’egli in rimonta, il tedesco Benjamin Becker, in uno scontro sul filo del rasoio deciso solo dal tiebreak del terzo parziale dopo che Nieminen aveva sprecato un break e due match point in suo favore sul finale di set. Accede al secondo turno anche il francese Kevin De Schepper, che battendo Erikkson si è guadagnato il sudafricano Anderson, testa di serie numero quattro del torneo.

Già nei quarti di finale, invece, l’altro francese Benoit Paire: il tennista numero sei del main draw non ha difficoltà nello sbarazzarsi, in due set e in poco più di un’ora, dello spagnolo Carreno-Busta. Lo segue a ruota il 23enne polacco numero 15 al mondo Jerzy Janowicz, uscito di scena per un paio di mesi dopo l’infortunio alla schiena rimediato al primo turno degli US Open; il ritorno è dolce per lui, che batte agevolmente anche lui un tennista iberico, Guillermo Garcia-Lopez. Per Paire, grosso rischio Raonic nei quarti, mentre per Janowicz possibile scontro con Ernests Gulbis.

Si cambia scenario, scendendo qualche chilometro più in giù e ritrovandoci nella bellissima Vienna per il 250 austriaco. Anche in questo caso, il programma odierno del torneo prevede la conclusione di tutti i primi turni e qualche anticipazione di ottavi di finale. Guadagna il pass per il secondo round il 31enne polacco Llukasz Kubot, numero 74 nel ranking ATP, che a sorpresa batte il decisamente più quotato Florian Mayer. Il tedesco, che occupa la posizione numero 43 della classifica singolare maschile, portava con se in Austria come credenziali il bel Masters 1000 giocato a Shanghai, dove battendo tra gli altri David Ferrer e Benoit Paire s’era insidiato fino ai quarti di finale; questa fama però non è bastata a Mayer per aver la meglio sull’avversario polacco, che dopo aver vinto il primo set dominando il tiebreak, conquista anche il secondo e definitivo parziale rimontando il break di svantaggio subìto nel secondo game. Prossimo avversario di Kubot, la testa di serie numero tre del torneo, il nostro Fabio Fognini.

Altro primo turno, altra grande sorpresa nella capitale austriaca: subito fuori dai giochi, infatti, la testa di serie numero sei francese Gael Monfils, anche lui autore di un buonissimo torneo a Shanghai dove, dopo aver battuto nient’altri che Roger Federer, ha ceduto solo ai quarti, solo dopo una battaglia all’ultima goccia di sudore e solo contro l’ex numero uno al mondo Novak Djokovic. Ma come per Mayer, anche in questo caso le fatiche asiatiche hanno alla lunga pesato sul successivo torneo; ad aggravare la sconfitta per Gael, però, l’aver perso contro un lucky loser, tal 31enne ceco Jaroslav Pospisil (numero duecento e passa al mondo), che prendendo il posto di Matosevic – che ha dato forfait poco prima dell’inizio dell’incontro – batte addirittura in due set il decisamente favorito avversario, avvalendosi di un tiebreak conquistato addirittura a zero e di un secondo parziale molto combattuto, ma comunque vinto per 7 game a 5.

Avanza invece nei quarti di finale l’accoppiata ceca Stepanek-Rosol: il primo, numero cinque del seeding, soffre ma batte lo slovacco Lacko in due ore e trequarti, servendosi di due tiebreak per avere la meglio sul suo avversario; più facile il compito per il secondo, che ha vita facile contro Basic. Nei quarti di finale, ora, possibile doppio scontro ceco-tedesco: il doppista potrebbe trovare nel pacco sorpresa il numero due del seeding Tommy Haas, mentre Lukas rischia di vedersela contro Philipp Kohlschreiber, se questi avrà la meglio sul qualificato Bebelmans.

 


Nessun Commento per “BENE JANOWICZ E PAIRE, FUORI A SORPRESA MONFILS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.