ATP: A PECHINO OK MURRAY E RAONIC, A TOKYO BENE KYRGIOS

Quarti di finale dei tornei ATP, a Pechino Murray regola il connazionale Edmund, eliminato Zverev da Ferrer. A Tokyo Kyrgios sorride, passa Monfils a fatica
venerdì, 7 Ottobre 2016

TENNIS – Agli ATP di Tokyo e Pechino non mancano certo le emozioni, e i match si susseguono a ritmo incessante. Nella capitale cinese si sono disputati in mattinata gli ottavi nella parte bassa e i quarti nella parte alta del tabellone. Il numero 1 del tabellone Andy Murray, accede alle semifinali battendo a fatica il connazionale Kyle Edmund. L’oro olimpico di Rio 2016 riesce a far valere la propria superiorità soltanto nel secondo parziale contro il giovanissimo britannico per il quale aveva avuto ottime parole in occasione della Coppa Davis. Il 7-6 6-2 finale testimonia tutta la crescita di Edmund, ma il presente resta ancora di Murray, che in semifinale sarà opposto a David Ferrer. Lo spagnolo numero 5 del tabellone ha superato in rimonta il tedesco Alexander Zverev, una delle rivelazioni dell’ultimo periodo. Dopo il 7-6 iniziale, Ferrer ha pareggiato i conti con un netto 6-1, e poi ha resistito al ritorno del talento teutonico nel terzo set, terminato con lo score di 7-5. Nella parte bassa del tabellone, esce a sorpresa il francese Richard Gasquet, eliminato dallo spagnolo Pablo Carreno-Busta. Dopo aver portato a casa il primo set combattuto, il transalpino non riesce a contrastare la verve dell’avversario, e nel terzo set lascia progressivamente il campo all’avversario. Tra poco in campo Carreno-Busta sarà opposto a Milos Raonic. Il canadese, numero 3 del tabellone, ha battuto abbastanza nettamente il tunisino Jaziri per 6-3 6-4.

Per quel che concerne l’ATP 500 di Tokyo, nessuna sorpresa per le teste di serie. Il numero 2 di tabellone, Gael Monfils, supera soltanto di misura il gigante croato Ivo Karlovic, che esce a testa altissima dopo un doppio tie-break. Può sorridere anche l’australiano Nick Kyrgios, che supera il lussemburghese Muller lasciandogli soltanto 6 game nel 6-4 6-2 finale. Nella parte alta del tabellone, successo abbastanza agevole del croato Marin Cilic, numero 4 del seeding, capace di regolare il rientrante argentino Juan Monaco con un 7-5 6-1 che testimonia il netto calo del sudamericano nel secondo parziale. Più faticoso del previsto, infine, il successo del belga David Goffin, che dopo aver ceduto abbastanza nettamente il primo set per 6-1 al portoghese Sousa, tira fuori la grinta, e dopo un secondo set molto tirato e vinto per 7-5, è riuscito a strappare il pass-qualificazione con il netto 6-2 dell’ultimo parziale.

 


Nessun Commento per “ATP: A PECHINO OK MURRAY E RAONIC, A TOKYO BENE KYRGIOS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.