ATP AUCKLAND: FOGNINI AI QUARTI, FUORI CECCHINATO E BERRETTINI

Il ligure ha superato Peter Gojowczyk 6-2 3-6 7-6, il palermitano ha ceduto nettamente a Tennys Sundgren e il ventiduenne romano è stato superato in tre set da Leonardo Mayer dopo aver avuto tre match-point sul 6-5 del secondo

TENNIS – Una vittoria e due sconfitte. E’ questo il bilancio del tennis azzurro al torneo Atp 250 di Auckland. Sul veloce della città neozelandese infatti Fabio Fognini centra i quarti di finale, mentre Marco Cecchinato e Matteo Berrettini si sono fermati agli ottavi, non senza rimpianti specialmente per il ventiduenne romano che ha avuto a disposizione ben tre match-point.

FOGNINI

Fabio Fognini, testa di serie numero 2 ad Auckland, ha battuto in tre set Peter Gojowczyk (6-2 3-6 7-6 il punteggio finale in suo favore), al termine di un incontro altalenante in cui alla fine ha trovato il modo di portare a casa comunque la vittoria. Dopo un primo parziale dominato, il ligure ha subito il ritorno del suo avversario nel secondo, e nel terzo e decisivo parziale si è anche trovato sotto di un break dopo aver ceduto la battuta nel settimo game, ma subito dopo ha rimesso le cose a posto ottenendo l’immediato contro-break del momentaneo 4-4. Quindi nel successivo tee-break, Fognini è stato bravo a mantenere i nervi saldi e aggiudicandosi la frazione 7 punti a 5 si è guadagnato il passaggio ai quarti di finale, dove se la vedrà con Philipp Kohlschreiber (6-4 6-4 ai danni del giovane francese Ugo Humbert).

BERRETTINI

Ha solo accarezzato la possibilità di entrare tra i primi otto del torneo neozelandese invece Matteo Berrettini, battuto da Leonardo Mayer dopo due ore e mezzo di “battaglia” 5-7 7-6 6-3. L’azzurro ha giocato un primo set molto solido, e nel secondo, sul 6-5 in suo favore, ha avuto tre match-point (di cui due consecutivi sul 15-40) sul servizio del suo avversario, ma non è riuscito a trasformarli e dopo aver perso il successivo tie-break 7 punti a 5, ha pagato a caro prezzo il break ceduto nel quarto game del terzo e decisivo parziale. Mayer infatti è salito sul 3-1, e dopo aver salvato la palla del possibile contro-break sul 30-40 del settimo game, ha messo in tasca la vittoria sul definitivo 6-3.

CECCHINATO

Passando poi all’incontro di Marco Cecchinato, il palermitano ha avuto una giornata no, visto che è stato battuto con un netto 6-3 6-3 da Tennys Sandgren al termine di un incontro nel quale non è mai riuscito ad impensierire il suo avversario. Cecchinato infatti non ha avuto alcuna palla break, ha ceduto il servizio tre volte e non ha mai trovato il modo di giocare bene in risposta, permettendo così allo statunitense di portare a casa la vittoria in meno di un’ora di gioco.

ALTRI RISULTATI AUCKLAND

Spostandoci poi sugli altri match di ottavi di finale giocati nella notte italiana, si sono qualificati per i quarti insieme a Fognini e Kohlschreiber anche Taylor Fritz, che ha battuto il numero 1 del seeding John Isner 7-6 7-6, Cameron Norrie, vittorioso in due set (7-6 6-4) ai danni del portoghese Joao Sousa, Jan-Lennard Struff (netto 6-2 6-1 contro il neozelandese Rubin Statham) e Pablo Carreno Busta, che ha approfittato del ritiro di David Ferrer dopo appena due game del primo set.

(Nella foto Fabio Fognini – www.zimbio.com)

 


Nessun Commento per “ATP AUCKLAND: FOGNINI AI QUARTI, FUORI CECCHINATO E BERRETTINI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Gennaio 2019

  • Nole è sempre Nole. Djokovic chiude l'anno da n.1 per la quarta volta rimontando addirittura dalla posizione n.22 che occupava a metà del 2017, l'ennesima prova di carattere, volontà e talento del serbo.
  • Zverev apre una breccia. A chiudere in bellezza il 2018 è stato il giovane tedesco col trionfo al Masters, e ora la domanda nasce spontanea: il 2019 sarà l'anno dell'atteso ricambio generazionale in campo Atp?
  • Anno nuovo Davis nuova. Ormai ci siamo, è tempo di rivoluzione in ambito Davis. Si riparte con la nuova formula, ma le polemiche non si placano.