ATP AWARDS 2018, CECCHINATO IN CORSA

Il siciliano è in corsa per l'ATP Most Improved Player of the Year, il premio che verrà assegnato a chi si è migliorato di più in stagione.

TENNIS – La sua cavalcata al Roland Garros ha riportato milioni di italiani davanti alla TV per inseguire un sogno, poi svanito in semifinale. La prestazione di Marco Cecchinato, però, non è rimasta circoscritta alla terra di Parigi, ma un cammino costante e ben studiato gli ha permesso di stabilirsi nelle prime venti posizioni del ranking maschile. Per questo motivo, l’ATP ha incluso il siciliano tra i candidati al Most Improved Player of the Year, uno dei riconoscimenti che la federazione consegnerà prima delle Finals di Londra.

L’Italia può così festeggiare due giocatori tra i primi venti del mondo, oltre a Fabio Fognini che rimane stabilmente il primo azzurro con il suo tredicesimo posto. Non succedeva da quarant’anni, ovvero dai tempi di Adriano Panatta e Corrado Barazzutti. Ceck è diciannovesimo e può lottare per un premio importantissimo, che si inserisce tra i diversi titoli che il circuito maschile assegna ai migliori dell’anno.

Il Most Improved Player of the Year è il riconoscimento che viene assegnato a colui che più si è migliorato e più ha sorpreso nel corso della stagione. Cecchinato è tra i favoriti, non solo per il suo cammino nello Slam francese, ma anche per una questione statistica e numerica: il suo 2018 è cominciato alla posizione numero 109, con nessun segnale che lasciava presagire una scalata del genere. Approdare al numero 19 nel giro di un anno rappresenta un traguardo concesso a pochi, contro i quali dovrà comunque battagliare per portare a casa un premio di grande caratura e prestigio.

Gli altri candidati che tenteranno di insidiarlo sono tre giocatori di cui si sentirà parlare nel corso dei prossimi anni. L’australiano Alex De Minaur, il britannico Kyle Edmund e il greco Stefanos Tsitsipas rappresentano la concorrenza per il Most Improved Player of the Year. Solo il tennista d’Oltremanica ha raggiunto una semifinale di uno Slam in questa stagione, quella dell’Australian Open. È probabile, a questo punto, che la corsa si riduca a questi due nomi.


Nessun Commento per “ATP AWARDS 2018, CECCHINATO IN CORSA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.