ATP CINCINNATI: FEDERER SUL VELLUTO, GASQUET SCHIANTA KYRGIOS

Esordio vittorioso di Roger Federer che, al rientro dopo la sconfitta a Wimbledon dello scorso luglio, si è facilmente imposto su Roberto Bautista-Agut. Richard Gasquet rifila una pesantissima lezione ad un abbacchiato Nick Kyrgios, ancora brutti passi falsi di Jo-Wilfried Tsonga e Milos Raonic

Tennis – Non poteva esserci miglior esordio per Roger Federer, fermo ai box dopo la sconfitta in finale a Wimbledon, uscito vincitore senza troppi patemi d’animo dalla sfida contro uno scarico Roberto Bautista-Agut. All’elvetico, campione a Cincinnati in bei sei occasioni, sono bastati appena 69 minuti per sbrigare la pratica con un netto 6-4 6-4. Poca la resistenza opposta dallo spagnolo, che in quattro incontri contro il “Maestro” non ha mai vinto più di quattro giochi in un set.

Federer mette in chiaro le cose sin dall’inizio, ottenendo il break nel terzo gioco grazie ad uno scambio in cui, con lo sventaglio di dritto, si apre l’angolo prima di chiudere con uno smash in contropiede a campo aperto, Bautista subisce e basta, malgrado il 27% di prime in campo dello svizzero che, nel settimo gioco, non riesce a capitalizzare l’occasione per il doppio break. Avanti 4-3, Roger riesce a ribaltare un game in cui non mette in campo nemmeno una prima, Lo spagnolo si tiene vivo annullando un set point nel nono gioco gioco, ma Federer non offre alcuna possibilità all’avversario nel game successivo, tenendo a 0 e chiudendo la prima partita.

Nella seconda frazione, le cose non cambiano. Un Federer sempre più aggressivo si procura immediatamente cinque palle break per scappare, ma ancora una volta l’allungo decisivo arriva nel terzo gioco. L’elvetico, allora, forte di un vantaggio piuttosto consistente, con un 14/14 sulla prima di servizio (alzatasi sino al 61% nelle fasi final) vola verso l’inevitabile 6-4 finale di fronte ad un avversario ormai senza armi.

Federer chiude l’incontro con il 43% di prime in campo, ma anche con il 95% di punti sulla prima e zero palle break offerte. Una prestazione solida, concreta e impreziosita anche da tante giocate spettacolari, che ha consentito all’elvetico di vincere la trentottesima partita su questi campi. L’avversario di ottavi di finale uscirà dal vincitore del match che vede opposti Jack Sock e Kevin Anderson.

Ancora un K.O. per Milos Raonic, questa volta estromesso dal torneo da Feliciano Lopez. Si tratta della seconda sconfitta consecutiva in altrettanti tornei per il canadese, che ha così chiuso la prima parte di tournée americana con tanti dubbi e zero set vinti.  Dopo il flop in Canada, a causa dei due tie break persi contro Karlovic, il 7-6(4) 6-4 ricevuto dallo spagnolo fa ancora più male. Feli, in ogni caso, perfetto al servizio, ha concesso una sola palla break in tutto il match ed ha approfittato nella migliore maniera possibile dei tanti passaggi a vuoto del gigante di origini montenegrine, che malgrado i 15 ace non è mai riuscito a tenere lo scambio nei momenti chiave.

Amaro ritorno alle competizioni per Nick Kyrgios, nell’occhio del ciclone a causa della vicenda Wawrinka-Vekic-Kokkinakis, uscito sconfitto in maniera piuttosto netta dalla sfida contro Richard Gasquet. L’australiano, complice anche qualche problemino alla schiena, ha tenuto testa solamente nel primo game del match, lasciando quindi via libera ad un avversario che in poco meno di un’ora ha chiuso con il punteggio di 6-2 6-1 e che, ora, affronterà al secondo turno proprio l’altro giovane australiano, Kokkinakis, giustiziere nella notte di Fabio Fognini. Sorprendente passo falso di Jo-Wilfried Tsonga, battuto da Fernando Verdasco esattamente sei anni dopo l’ultma sfida. Lo spagnolo, perso il primo set, non si è lasciato intimidire e, capendo il momento poco positivo di Jo, ha sfruttato tutti gli errori per chiudere un match poco bello ma intenso con il punteggio 4-6 6-3 6-4.

Tommy Robredo e Sam Qurrey si affronteranno al secondo turno del Western & Southern Open ancora una volta. Lo spagnolo, con un perfetto 5/5 sulle palle break, ha battuto Pablo Andujar 3-6 6-3 6-1, mentre lo statunitense ha superato un abbacchiato John Isner, apparso ancora molto stanco dopo le fatiche ad Atlanta, Washington e Montreal delle ultime tre settimane. Con qualche problema di troppo, si qualifica per gli ottavi di finale Grigor Dimitrov. Il bulgaro, tra i pessimi risultati, la rottura con la Sharapova e la caccia al nuovo coach, è appena alla terza vittoria in sei partite in questa stagione americana. Borna Coirc si aggiudica in maniera rocambolesca la sfida tra “Teenager” con Alexander Zverev al termine di una partita durata quasi tre ore e chiusa 7-5 3-6 7-6(5). Tanti i rimpianti per il giovane tedesco che, passato attraverso le qualificazioni, nel tie break del terzo ha avuto sulla racchetta i due servizi per portare a casa l’incontro.

Vittorie facili per Marin Cilic, Alexandr Dolgopolov e Thomas Berdych. Il croato, in cerca di fiducia in vista della pesantissima cambiale da difendere a New York, ha nettamente battuto Joao Sousa. Anche l’ucraino, che sicuramente non sta vivendo il miglior periodo della carriera, a contrario da quanto ci si potesse aspettare, ha lasciato appena 5 game ad un irriconoscibile Bernard Tomic.Ancor più netto il successo di Berdych, che con un doppio 6-2 è stato capace di sbarazzarsi di un Thomaz Bellucci apparso decisamente meno in forma rispetto a settimana scorsa.

Tutti i risultati

Round 2
6-Tomas Berdych (Czech Republic) beat Thomaz Bellucci (Brazil) 6-2 6-3
2-Roger Federer (Switzerland) beat Roberto Bautista (Spain) 6-4 6-4
7-Marin Cilic (Croatia) beat Joao Sousa (Portugal) 6-4 6-2
16-Grigor Dimitrov (Bulgaria) beat Vasek Pospisil (Canada) 7-6(4) 7-6(5)
Alexandr Dolgopolov (Ukraine) beat Bernard Tomic (Australia) 6-4 6-1
Round 1 Feliciano Lopez (Spain) beat 9-Milos Raonic (Canada) 7-6(4) 6-4
Fernando Verdasco (Spain) beat Jo-Wilfried Tsonga (France) 4-6 6-3 6-4
Jeremy Chardy (France) beat Rajeev Ram (U.S.) 6-4 6-2
Borna Coric (Croatia) beat Alexander Zverev (Germany) 7-5 3-6 7-6(5)
Sam Querrey (U.S.) beat 11-John Isner (U.S.) 6-3 7-6(3)
15-Kevin Anderson (South Africa) beat Leonardo Mayer (Argentina) 7-6(5) 3-6 6-1
Jared Donaldson (U.S.) beat Nicolas Mahut (France) 7-5 6-7(2) 6-2
Tommy Robredo (Spain) beat Pablo Andujar (Spain) 3-6 6-3 6-1
12-Richard Gasquet (France) beat Nick Kyrgios (Australia) 6-2 6-1

 


Nessun Commento per “ATP CINCINNATI: FEDERER SUL VELLUTO, GASQUET SCHIANTA KYRGIOS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • CINCINNATI: DJOKOVIC E MURRAY SI SALVANO, NADAL NO, BRILLA FEDERER Ha rischiato, e non poco, Novak Djokovic. Il serbo, sotto di due break nel terzo e decisivo set, è stato bravo e fortunato ad approfittare di un lungo blackout di David Goffin, che proprio […]
  • ATP CINCINNATI: DJOKOVIC SUL VELLUTO, SPRAZZI DI NADAL Esordio positivo per Novak Djokovic a Cincinnati. Il serbo, che insegue l'ultimo Masters 1000 in carriera per completare il Carrer Golden Masters, ha superato senza problemi un […]
  • ROGERS CUP: NADAL E MURRAY TENGONO IL PASSO DI DJOKOVIC Continua immacolato il percorso di Novak Djokovic nella Rogers Cup che, dopo la vittoria "sofferta" contro Thomaz Bellucci, si è sbarazzato di Jack Sock in 54 minuti. Facile vittoria anche […]
  • YOUNG GUNS, DOVE SIETE? Tra Melbourne e New York, solo Nick Kyrgios è riuscito a raggiungere i quarti di finale in una prova dello Slam, A partire da Borna Coric fino ad arrivare a Thanasi Kokkinakis, la […]
  • LA NUOVA SQUADRA DEI BIG FOUR Nick Kyrgios, Alexander Zverev, Borna Coric, Stefan Kozlov. Sono loro, secondo l'Equipe, i giovani talenti che rappresentano il futuro del tennis maschile. E sono pronti per ripercorrere […]
  • MIAMI. FEDERER SENZA PAURA, SEPPI FUORI TENNIS - Ottavi di finale per lo svizzero che non patisce difficoltà contro Thiemo De Bakker. Affronterà in un match stellare Richard Gasquet che ha disinnescato Kevin Anderson. Nulla da […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.