ATP FINALS, ROJER E TECAU I PRIMI RE A LONDRA

Doppio: stravince la coppia Rojer-Tecau, che regola in un'oretta Bopanna e Mergea confermandosi dominatori
domenica, 22 Novembre 2015

TENNIS – Un trono e una corona, poi tutti in piedi. Il doppio composto da Jean-Julien Rojer, olandese con residenza a Miami, e Horia Tecau, rumeno di Costanza, reclama i simboli del potere. Giustamente: alla “O2 Arena” di Londra, i due sconfiggono in finale l’indiano Rohan Bopanna e l’altro rumeno Florin Mergea per 6-4, 6-3 in un’ora esatta e vincono le ATP Finals 2015. Sono loro a succedere ai Bryan nell’albo d’oro, loro a confermare un dominio spaventoso, chiudendo il Masters con cinque vittorie e dieci set a zero. Difficile immaginare un trionfo più netto.

Perfezione assoluta e nervi d’acciaio. Dall’altra parte, in apertura di gara, due ace e un doppio fallo di Bopanna, ma anche un errore di Mergea e tanto, ma proprio tanto Tecau a rete. Tradotto in tennis significa subito break in favore di Rojer-Tecau, coppia che non a caso finirà l’anno al primo posto nel ranking. Mentre il potente servizio dell’olandese porta il momentaneo 2-0. Non un avvio di finale sereno nemmeno per Mergea, perché la posta in palio si fa sentire, nonostante arrivi il primo game della partita. La tensione si scioglie gradualmente. Precisamente al sesto gioco, quello in cui Mergea mostra le sue grandi doti in risposta: arriva la palla del controbreak, ma Tecau salva tutto con un ace spaziale. Altro ace quando la coppia va a servire sul 5-4, 40-30: nulla può fare stavolta Mergea e il primo set è di Rojer-Tecau. A fare la differenza è un punto soltanto, il killer point del primo game. L’unica sbandata di Bopanna-Mergea, ma a questi livelli paghi tutto e con gli interessi.

Scivolate a parte è equilibrio massimo, tennis geometrico, una partita a scacchi muovendo pezzi all’impazzata. Ma soprattutto equilibrio. Dominio assoluto dei servizi. Fino al quinto game, con Bopanna sulla linea di battuta e Jean-Julien Rojer a offrire tutto il meglio in risposta, affondando inoltre con un rovescio chirurgico. Dunque break: l’olandese e il rumeno vanno 3-2 e si vedono i primi pugnetti. Perché hanno ufficialmente messo la freccia del sorpasso. Bopanna e Mergea, da par loro, escono gradualmente dal campo. Chiudendo il match con il terzo break con Bopanna al servizio, sul 5-3. Rojer e Tecau stravincono e già pensano a Melbourne. Perché i trionfi non possono fermarsi qui.


Nessun Commento per “ATP FINALS, ROJER E TECAU I PRIMI RE A LONDRA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.