ATP FINALS, E’ NOLE-ROGER E ANDY-RAFA

Sorteggio a Londra. Djokovic, Federer, Berdych e Nishikori da una parte; Murray, Nadal, Wawrinka e Ferrer dall'altra. Nel doppio, Bolelli e Fognini pescano Bryans, Murray-Peers e Bopanna-Mergea.
giovedì, 12 Novembre 2015

TENNIS – La London City Hall e gli otto migliori tennisti del pianeta. L’evento, se a qualcuno fosse sfuggito, si chiama Atp World Tour Finals. Il Masters, insomma. E i Maestri sono tutti lì, alla tradizionale cerimonia di sorteggio. Una cerimonia che inizia in ritardo e che sembra dovere molto allo champagne sponsor del torneo. Almeno a giudicare dal tenore “alcolico” della serata e da un Boris Johnson, sindaco di Londra, che ricorda il miglior Lino Toffolo. Una cosa giusta la dice: “Prendete i vostri figli, buttateli giù dal divano, toglietegli la PlayStation e portateli alla O2 Arena”. Sì, tutti alla “O2 Arena”; tutti ad applaudire il vincitore delle ultime tre edizioni, Novak Djokovic, oppure Roger Federer, Tomas Berdych e Kei Nishikori inseriti come il serbo nel gruppo “Stan Smith”. Tutti ad applaudire poi i paladini del girone “Ilie Nastase”: Andy Murray (sempre ammesso che voglia davvero far parte dei giochi, e se arrivasse un ripensamento dell’ultimo momento?), Stan Wawrinka, Rafa Nadal e David Ferrer.

Col tennis giocato si parte domenica, dalle 13, e in tv si vedrà su Sky. Fiato sospeso e grande attesa. Per noi italiani c’è un motivo in più: la presenza del doppio trionfatore a Melbourne composto da Fabio Fognini e Simone Bolelli. Non il peggior girone possibile per loro (il gruppo Ashe-Smith), ma di certo non il più abbordabile: troveranno i campioni in carica, quattro volte vincitori del torneo, i fratelli Bob e Mike Bryan. Poi Murray (ovviamente Jamie)-Peers e Bopanna-Mergea. Nel Fleming-McEnroe, ci saranno invece Rojer-Tecau, Dodig-Melo, Herbert-Mahut e Matkowski-Zimonjic.

Tornando al singolare, Nole se la ride. Poco dopo lo imita Roger Federer. Perché è proprio Johnson a leggere i nomi, faticando come un matto per leggere i microscopici nomi dei protagonisti stampigliati sui foglietti. Prima della foto di rito, quella che vi riportiamo, Rafa invece si distrae, guarda Nole, ride anche lui, poi si dedica ai fotografi. Chi manca? Ferrer e Berdych quasi impacciati, Wawrinka come al solito si ritrova accanto al suo connazionale più famoso, Nishikori abbozza un sorriso, Murray guarda oltre, forse verso un’insalatiera.

Djokovic contro tutti. Tra i primi a cercare di fermare un giocatore in stato di grazia, lo stesso che in questa stagione ha letteralmente camminato sulle acque, ci sarà un Federer che ha ancora tanto da dire. Una sfida già stellare: quattro titoli al Masters per il serbo, sei per Roger. Tutto questo mentre Berdych e Nishikori, almeno sulla carta, dovrebbero fare tappezzeria, già orientati alla prossima stagione.

Al di là della sfida Djokovic-Federer, altri fuochi d’artificio già dal round robin sono pronti a offrirli i quattro del girone “Ilie Nastase”. Ma l’idolo di casa Murray, forse ancora distratto, potrebbe lasciare il campo libero a Rafa, che ha sempre il dente avvelenato. Non ha la stessa rabbia del maiorchino Wawrinka, tornato in questo finale di stagione da Stanimal a Stan the man. Poco lontano Ferrer, che in vita sua non si è mai trovato a proprio agio da spettatore ma che ora è chiamato ai miracoli.

Ipotesi su ipotesi, pronostici. E, prima di domenica, su questo sito torneremo a parlare di quelle ipotesi infarcendo il tutto di numeri. Ma l’auspicio è quello di parlare anche di emozioni. L’epilogo del Masters 2014 è stato a dir poco scabroso, le Finals si preparano a perdere il main sponsor e Londra non è più location ambita per l’Atp. Il sindaco Johnson ha voglia di ridere, si frega ancora le mani per il bagno di folla del Mondiale di rugby e ora invita tutti nella sua città per il tennis. L’Olimpo del tennis, polemiche a parte. Pronti.

 

Sorteggio_singolare_Masters2015

 

Sorteggio_doppio_Masters2015


Nessun Commento per “ATP FINALS, E' NOLE-ROGER E ANDY-RAFA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.