ATP FINALS, ZVEREV BATTE ISNER E CENTRA LE SEMIFINALI

Il tennista tedesco si è imposto sullo statunitense con il punteggio 7-6 6-3 e ora in semifinale se la vedrà con Roger Federer

TENNIS – Alexander Zverev ha battuto John Isner (7-6 6-3 il punteggio finale in favore del tedesco nel primo match di oggi pomeriggio) chiudendo così il discorso sui semifinalisti del “Gruppo Kuerten” qualificandosi come secondo al termine del Round Robin. Sarà dunque lui a sfidare Roger Federer per un posto in finale, mentre Novak Djokovic se la vedrà con Kevin Anderson. John Isner invece lascia Londra chiudendo una stagione comunque molto positiva e confermandosi numero uno degli Stati Uniti per il sesto anno consecutivo.

Nei primi game si sono visti pochissimi scambi, tante prime vincenti, qualche ace e anche diversi punti facili con la seconda. E come prevedibile, le rare volte in cui lo scambio è partito è stato Zverev a comandare sulla diagonale sinistra mentre Isner ha ottenuto qualcosa in più dalla parte del dritto. Il primo momento di difficoltà lo ha avuto Isner nel settimo game ma sul 15-30 (maturato anche grazie ad un doppio fallo), il gigante americano ne è uscito con due ace, una prima vincente e un’ottima discesa a rete chiusa con una gran volée bassa di rovescio che ha scatenato gli applausi della O2 Arena di Londra.

Sul 5-5 poi Zverev non è riuscito a sfruttare un game durante il quale Isner non ha messo neanche una prima di servizio, e sul 6-5 lo statunitense si è procurato addirittura un set-point con un dritto inside-out tirato a tutto braccio veramente da applausi, ma il giovane talento tedesco si è salvato alla grande piazzando il nono ace del suo incontro riuacendo così a portare il parziale al tie-break. Isner ha continuato a non a mettere in campo la prima, vedendosi costretto a tirare con coraggio delle seconde rischiosissime, mentre Zverev ha mantenuto altissima la percentuale di prime (77% contro il 58% del suo avversario) dimostrando una tranquillità maggiore. E dopo uno scambio di mini-break che ha seguito l’ordine dei servizi Zverev si è procurato il primo set-point, subito trasformato grazie a un errore di dritto di Isner. Perso il primo parziale quindi lo statunitense, che poteva contare solo su una vittoria in due set per avere qualche lontana speranza di qualificazione, si è ritrovato fuori dai giochi e Zverev ne ha approfittato per gestore con maggiore calma il secondo parziale.

Il tedesco infatti ha continuato a gestire senza alcun problema i propri turni di battuta, portandoli a casa senza concedere praticamente nulla al suo avversario, mentre Isner ha mostrato qualche segno di cedimento (soprattutto mentale)culminato con il break dell’ottavo game che ha di fatto incanalato definitivamente la partita dalla parte di Zverev. Il tedesco ha quindi messo in tasca la vittoria sul definitivo 6-3 e si appresta a giocare una semifinale di altissimo livello con Roger Federer, in quello che sarà un incontro sicuramente spettacolare per il pubblico della O2 Arena e per tutti gli appassionati che lo seguiranno in televisione.

(Nella foto Alexander Zverev – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ATP FINALS, ZVEREV BATTE ISNER E CENTRA LE SEMIFINALI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.