ATP. GLI AZZURRI RIPARTONO DA DOHA, ECCO LE SPERANZE PER IL 2015

Tennis, Quasi tutti gli azzurri daranno il via ufficiale da Doha, il solo Fabio Fognini, comincerà ufficialmente a Sidney, dopo la Hopman Cup in compagnia della Pennetta. Le speranze per il 2015, ovviamente, sono quelle di ripetere la buona Davis e sopratutto di ritrovare la giusta strada nel circuito Atp.

Tennis. Dopo aver analizzato le aspettative femminili per l’anno che sarà, andiamo a scoprire come partirà la stagione maschile e sopratutto cosa aspettarci da un gruppo che in Davis è finalmente tornato a giocare la semifinale, ma che a livello di singolare Atp non ha offerto molto.

La stagione per tanti dei protagonisti comincerà nel ricchissimo 250 di Doha. A prendervi parte saranno Andreas Seppi, Simone Bolelli e Paolo Lorenzi, ovviamente sarà difficile che un azzurro faccia la voce grossa visto la presenza, tra gli altri di Novak Djokovic, del rientrate Rafael Nadal, di Tomas Berdych e di David Ferrer. Brisbane e Chennai invece scivoleranno via senza nessuna presenza italiana. Il numero uno d’Italia, Fabio Fognini, dopo la Hopman Cup insieme a Flavia Pennetta, darà il via ufficiale in quel di Sidney. Prima di puntare ovviamente agli Australian Open, dove sarà l’unico italiano nella top 20.

Si tratta di un anno importante per Fabio, chiamato a cancellare tutte le difficoltà incontrate nella seconda parte di stagione. All’indomani della sfida di quarti di finale di Davis contro la Gran Bretagna, l’Italia tennistica pensava di aver avuto finalmente la conferma sulle doti di Fognini, come giocatore e come leader. Invece Fabio si è rivelato ancora non pronto per competere a determinati livello. E fino alla fine della stagione si sono registrate soltanto sconfitte, problemi con gli arbitri, con giornalisti e con i tifosi. Il 2015 deve essere per forza l’anno del cambiamento, in quanto a talento sopratutto sul rosso Fabio ha dimostrato di poter dire la sua, e sopratutto a partire da Montecarlo in poi si spera di poter tornare a vedere quello che in questi anni, purtroppo, si è solo intravisto.

Discorso simile, ma per altri motivi, può essere fatto per Andreas Seppi. L’alto atesino in campo è l’opposto di Fabio, ma anche lui nel 2014 ha vissuto un leggero calo rispetto agli standard, scivolando numero 45 del ranking. Nel 2015 quindi Andreas dovrà lavorare per risalire e ritornare sui suoi standard. Non sarà facilissimo, ma Seppi ha dimostrato nel corso della carriera di riuscire con il carattere e l’abnegazione a ottenere risultati importanti. La diligenza e la regolarità nel gioco lo rendono un giocatore funzionale su tutte le superfici, non a caso è l’unico italiano ad aver vinto un titolo sull’erba e ad aver vinto anche su tutte e tre le superfici. Questa caratteristica potrà essere d’aiuto già a partire dall’Australian Open.

Se Fognini e Seppi sono chiamati a rialzarsi, Simone Bolelli è chiamato a confermarsi, dopo la risalita in classifica fatta per tutto il 2014. La scalata in classifica lo ha portato al numero 55 del mondo, e anche nel doppio di Coppa Davis si è vista la buona condizione ritrovata. In campo Bolelli, già a partire da Doha, ha le carte in regola per continuare nella risalita, di certo non aiuterà la situazione fuori dal campo, con lo scandalo delle scommesse che ancora nei prossimi mesi terrà banco. Ci si aspetta, invece, il solito anno da gira mondo per il buon Paolino Lorenzi. Il romano, classe, 1981, viene dal primo titolo singolare in carriera, vinto a San Paolo e anche nel 2015 lo troveremo impegnato in tutto il mondo a guadagnare punti Atp (adesso è 64esimo) e tante esperienze importanti.

La chiusura è ovviamente rivolta alla corsa i Coppa Davis. Le possibilità di ripetere la grande stagione dello scorso anno, con la semifinale persa soltanto contro i futuri campioni, non sono molte. Ma l’impossibile non esiste, quindi la speranza è l’ultima a morire.


Nessun Commento per “ATP. GLI AZZURRI RIPARTONO DA DOHA, ECCO LE SPERANZE PER IL 2015”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • GLI ITALIANI SOFFRONO DI ELIMINAZIONE PRECOCE La stagione 2014 è stata una battuta d'arresto per i Top italiani: fine di un ciclo o semplice debacle?
  • I NOSTRI CINQUE AZZURRI ALL’ASSALTO DI WIMBLEDON Sorteggio più che discreto per i nostri cinque azzurri impegnati da lunedì ai Championships. Sfortunato Lorenzi che pesca Roger Federer, Fognini favorito contro Kuznetsov, Seppi becca […]
  • RANKING ATP, SALGONO ANDERSON E TSONGA Invariate le primissime posizioni della classifica. Il sudafricano trae ulteriore beneficio dal successo di Winston-Salem e supera Goffin. Continua la risalita del francese, adesso diciottesimo
  • LA DAVIS AI RAGGI X Analizziamo gli spunti più interessanti che il primo turno di Coppa Davis ci può offrire.
  • RANKING ATP, COLPO RAONIC E BERDYCH Canadese e ceco si piazzano rispettivamente al quarto e quinto posto della classifica mondiale scalzando Nishikori e Nadal, che non usciva dalla top ten da maggio 2005. Bene gli italiani, […]
  • COPPA DAVIS: BARAZZUTTI SCEGLIE I SOLITI QUATTRO Seppi, Fognini, Bolelli e Lorenzi sono i quattro nomi scelti da Barazzutti per la trasferta siberiana contro la Russia. Tarpishev risponde affidandosi a Gabashvili, Donskoy, Kravchuk e Rublev

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.