BERRETTINI VOLA IN SEMIFINALE A GSTAAD, THIEM KO AD AMBURGO

Il tennista azzurro ha battuto Feliciano Lopez 6-4 6-3 grazie ad una prestazione praticamente perfetta, mentre in Germania l'austriaco è stato battuto a sorpresa da Nicola Jarry

TENNIS – E’ proseguita come meglio non poteva la corsa di Matteo Berrettini al torneo Atp 250 di Gstaad. Il tennista italiano infatti si è qualificato per le semifinali dopo la bella vittoria conquistata ai danni di Feliciano Lopez, sconfitto 6-4 6-3 al termine di una sfida in cui Berrettini ha sfoderato una prestazione praticamente perfetta con la quale per la prima volta in carriera entra tra i migliori quattro di un torneo Atp. Di fronte ad un avversario del calibro dello spagnolo, Berrettini ha mostrato una lucidità, una continuità di gioco e una qualità di colpi veramente da applausi, grazie ai quali è riuscito a mettere costantemente in difficoltà il suo avversario.

Nel primo set l’azzurro ha giocato fin da subito un tennis molto solido, ha strappato immediatamente il servizio allo spagnolo nel game di apertura e, dopo aver avuto un’altra palla break nel terzo gioco (sul 30-40) senza però riuscire a trasformarla, ha gestito bene i successivi turni di battuta senza concedere niente a Lopez, fino al 6-4 che gli ha permesso di assicurarsi il parziale tra gli applausi del pubblico svizzero. Nel secondo set poi Berrettini non ha alzato minimamente il piede dall’acceleratore, tanto da ripetere lo stesso “copione” della prima frazione grazie al break portato a casa nel gioco inaugurale, e da quel momento ha continuato a spingere da fondo campo aiutato anche dalle ottime percentuali al servizio messe a referto oggi. Berrettini infatti nel secondo parziale ha concesso appena due punti a Lopez durante i propri turni di servizio, e dopo aver avuto un’altra palla break nel settimo game, nel nono è salito sullo 0-40 con autorità, chiudendo poi i conti sul definitivo 6-3 (alla terza chance) assicurandosi così un posto nelle semifinali del torneo svizzero. Vittoria da ricordare quindi quella conquistata dal giovane tennista azzurro, protagonista di un incontro di altissimo livello nel quale non ha mai abbassato l’intensità del suo gioco, grazie ad una aggressività e ad una determinazione a dir poco eccezionali.

ALTRI RISULTATI GSTAAD

Passando poi agli altri quarti di finale in programma oggi sulla terra rossa della città elvetica, dopo aver battuto Fabio Fognini Jurgen Zopp ha proseguito il suo momento magico. Il tennista estone infatti (attualmente alla posizione numero 107 della classifica mondiale) ha sconfitto Facundo Bagnis in tre set (2-6 6-4 6-3) confermando l’ottimo momento che sta attraversando in questa settimana. Centra le semifinali poi anche il serbo Laslo Djere, che ha rimontato un set al croato Viktor Galovic prima di chiudere i conti sul definitivo 6-7 6-3 7-6 portando a casa un incontro molto equilibrato e combattuto.

AMBURGO

Spostandoci invece al torneo Atp 500 di Amburgo, è uscito di scena a sorpresa Dominic Thiem, testa di serie numero uno del tabellone tedesco battuto da Nicolas Jarry 7-6 7-6 dopo un match equilibrato e ricco di emozioni. Il giovane tennista cileno infatti nel primo set ha recuperato un break di svantaggio, mentre nel secondo, dopo i quattro break consecutivi dei primi quattro game, ha salvato tre set point consecutivi durante il successivo tie-break (da 3-6 a 6-6), per poi conquistare la vittoria 9 punti a 7 in maniera veramente rocambolesca. Per Jarry tra l’altro si tratta della prima vittoria in carriera contro un Top Ten, e dopo un successo come questo si proietta alle semifinali del torneo tedesco con una convinzione e una determinazione ancora maggiori.

(Nella foto Matteo Berrettini – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “BERRETTINI VOLA IN SEMIFINALE A GSTAAD, THIEM KO AD AMBURGO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.