ATP GSTAAD: THIEM E GOFFIN, CHE FATICA

Nell'ATP 250 di Gstaad, Dominic Thiem e David Goffin proseguono il loro cammino con qualche difficoltà di troppo. Ad Atlanta, semifinale tutta americana tra Kudla e Isner, dall'altra parte del tabellone sfida vintage tra Muller e Baghdatis
venerdì, 31 Luglio 2015

Tennis – A Gstaad, nell’ATP 250 che si gioca sui campi in terra del Royal Hotel, Winter & Gstaad Palac, sono andati in scena i quarti di finale del torneo detenuto da Pablo Andujar. Feliciano Lopez, che ha aperto i battenti, è uscito vincitore dalla sfida contro il colombiano Santiago Giraldo. Lo spagnolo, bravo a salvare tutte e cinque le palle break concesse nel match, con il punteggio di 7-6(4) 6-4 ha strappato il pass per le semifinali, complice soprattutto il servizio. “Ho giocato bene, sono stato fortunato nel primo set, ma poi credo di aver meritato la vittoria” – ha detto il giocatore iberico, semifinalista per la seconda volta consecutiva qui. Feli, affronterà la testa di serie numero tre del torneo Dominic Thiem. L’austriaco, fresco vincitore del torneo di Umago, ha sconfitto Pablo Carreno-Busta al termine di una partita tutt’altro che semplice. 6-4 3-6 6-2 il punteggio finale, con il 21 del mondo costretto agli straordinari per avere la meglio di un avversario molto ostico su queste superfici: “E’ stato un match complicato, Pablo ha giocato molto bene e non è stato facile per me prendere le misure” – ha spiegato Dominic – “L’atmosfera qui a Gstaad è incredibile”.

Thomaz Bellucci, due volte vincitore di questo torneo, ha fermato il detentore del titolo Pablo Andujar, ottenendo la qualificazione per le semifinali. Il brasiliano, che in Svizzera ha trionfato proprio qualche mese fa (a Ginevra, sconfiggendo in finale Joao Sousa), in rimonta è riuscito ad avere la meglio dello spagnolo in un match conclusosi 3-6 6-4 6-1. Dopo aver perso il primo set, infatti, Thomaz è rapidamente salito 5-3, si è fatto strappare il servizio e da quel momento ha concesso praticamente le briciole, giocando in maniera perfetto e gestendo le situazioni di pericolo al meglio. Dall’altra parte della rete, domani, troverà la testa di serie numero uno del torneo David Goffin. Il belga, che sicuramente non ha giocato la miglior partita della carriera, ha dovuto sudare le cosiddette “7 camice” per sconfiggere un buonissimo Joao Sousa, vincitore del primo set e uscito sconfitto solamente al tie break del terzo. Il match, finito 6-7(7) 6-4 7-6(1) ha avuto un andamento del tutto insolito, con un Goffin sempre in rimonta, che solamente nel tie break è riuscito a trovare la forza per aggiudicarsi l’incontro, dominando e concedendo solo un punto all’avversario, centrando la seconda semifinale dell’anno.

Nell’altro ATP 250 in corso di svolgimento questa settimana, quello di Atlanta, si è allineato il quadro delle semifinali. John Isner, testa di serie numero uno del torneo e due volte detentore del titolo, affronterà al penultimo atto Denis Kudla. Il giocato di Greensboro, dopo aver piazzato 33 ace nel match di secondo turno, ne ha messi a segno 19 per assicurarsi la vittoria contro Richard Berankis (7-6 6-4 il punteggio finale), raggiungendo le 18 vittorie in questo torneo, con un particolare primato. Dal 2012, infatti, ha un saldo di 12-1 ai tie break. Kudla, dall’altra parte, non ha avuto alcun problema a sconfiggere uno scarico Dudi Sela, capace di aggiudicarsi solamente quattro giochi in totale (tutti nel primo set). Il qualificato, alla prima semifinale nel circuito maggiore, dopo il quarto turno a Wimbledon e la vittoria del Challenger di Ikley, non parte del tutto sfavorito contro il ben più quotato avversario.

Nella parte bassa del tabellone, la semifinale la giocheranno Marcos Baghdatis e Gilles Muller. Il cipriota, a sorpresa, ha sconfitto Vasek Pospisil al termine di un match perfetto, il lussemborghese dopo un primo set complicato, ha sconfitto Go Soeda in appena 72 minuti con il punteggio di 7-5 6-1


Nessun Commento per “ATP GSTAAD: THIEM E GOFFIN, CHE FATICA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.