ATP INDIAN WELLS, GRIGOR DIMITROV E’ PIU’ AGGUERRITO CHE MAI

Il tennista bulgaro ha dichiarato di sentirsi molto bene e non teme né la pressione né le maggiori aspettative cresciute intorno a lui dopo la vittoria delle Finals 2017

TENNIS – Dopo lo straordinario, e per certi versi inaspettato, trionfo alle Atp Finals dello scorso anno, le aspettative attorno a Grigor Dimitrov sono cresciute a dismisura, visto che dopo diversi anni in cui in tanti pronosticavano una sua ascesa ai vertici del tennis mondiale il bulgaro è finalmente riuscito ad ottenere un risultato importante. E adesso che l’attuale numero del mondo è chiamato a confermare il suo potenziale, direttamente dal Masters 1000 di Indian Wells ha fatto sapere di avere tutte le intenzioni di non tradire la fiducia che addetti ai lavori ed appassionati ripongono in lui.

“Ho acquisito una consistenza importante a livello di gioco – ha spiegato Dimitrov – e a 26 anni sono nelle condizioni di poter esprimere il massimo sia a livello fisico che mentale. In ogni allenamento cerco di raggiungere il limite e quando poi scendo in campo lo faccio con la consapevolezza dei miei mezzi”. D’altra parte avrà bisogno proprio del suo miglior tennis in questo primo Masters 1000 della stagione, perché nelle sue sei apparizioni a Indian Wells non è mai riuscito ad andare oltre il terzo turno e la volontà è quella di fare ancora meglio rispetto ai primi due mesi del 2018. “Il mio obiettivo – ha proseguito il bulgaro – era quello di fare molto bene in Australia, e anche se ho ottenuto risultati soddisfacenti avrei voluto fare molto di più. L’approccio però è quello giusto e sento che le cose stanno andando bene, devo solamente riuscire a mantenere la giusta concentrazione in ogni momento della partita, in modo da poter giocare sempre il mio miglior tennis”.

Anche perché c’è da dimenticare il match di terzo turno dello scorso anno quando non riuscì a trasformare ben quattro match-point prima di perdere da Jack Sock, e anche se quest’anno a Indian Wells la pressione su di lui sarà maggiore, Dimitrov sembra pronto a raccogliere la sfida. “La pressione mi piace, ti puoi ritrovare 5-5 e 30-30 e in quel momento devi cercare di dare il massimo mantenendo i nervi saldi, il che mi piace molto perché è nei momenti più delicati che si vede la forza di un giocatore. Personalmente cerco di migliorare costantemente, so che le persone intorno a me si aspettano molto e io farò di tutto per non deluderli, a cominciare da questo torneo. Di siciro però – ha concluso il tennista bulgaro – una cosa l’ho imparata dopo la stagione 2017, ed è che devo imparare a gestire meglio i periodi di riposo. Ho capito che in alcuni momenti dell’annata è giusto prendere una pausa e anche se non ho ancora raggiunto la consapevolezza giusta, presto ci arriverò e a guadagnarne sarà la qualità del mio tennis e di conseguenza anche la longevità della mia carriera ad alti livelli”.

(Nella foto Grigor Dimitrov – www-zimbio.com)

 


Nessun Commento per “ATP INDIAN WELLS, GRIGOR DIMITROV E' PIU' AGGUERRITO CHE MAI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.